Baseball, amarcord Aprilia: festa per l'allenatore dei tempi d'oro

Domenica 6 Ottobre 2019
La cena per festeggiare l'allenatore e, nel testo, la squadra nel 1977
Gli hanno solo detto che c’era una cena, quando è arrivato ha trovato tutti i “suoi” ragazzi e il presidente di quella squadra. Riuniti per il loro allenatore e per l’amore del baseball. Ad Aprilia questa disciplina è scomparsa da un po’, ma i ragazzi che negli anni ‘70 giocarono alle dipendenze di Titta Lo Fazio, non lo hanno dimenticato.

Significativa la frase sulla targa che il presidente, Ruggero Andolfi, e i giocatori hanno donato al manager di allora che - origini ad Anzio, dove risiede ancora oggi - aveva “esportato” il baseball una volta andato a lavorare e abitare ad Aprilia: «Un allenatore ti insegna la teoria e applica la pratica in campo, un padre ti guida nella crescita per affrontare la vita. Per noi sei stato entrambi, grazie di cuore Titta». La cena era in un ristorante di Nettuno, manco a dirlo patria del baseball in Italia.

«Sono commosso - ha commentato Lo Fazio, 85 anni - è stata una sorpresa straordinaria. Quell’esperienza fu una grande avventura sportiva e umana, mi fa grande piacere che ancora oggi la ricordino». Per l’occasione immagini e ritagli di stampa di allora, ad esempio il “Pontin sportivo” che declamava l’Aprilia “ammazza campionato”o spiegava come si era evitato che sparisse questo sport. Cosa che negli anni a seguire, purtroppo, è accaduta. Ma come diceva il mitico campione Babe Ruth: «Non c’è niente di più bello, nobile e leale» come il baseball. E chi ha vissuto quell’esperianza non ha dimenticato questo insegnamento.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma