Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Arresto e dimissioni sindaco, Antonio Cappetta è il nuovo Commissario a Terracina

Arresto e dimissioni sindaco, Antonio Cappetta è il nuovo Commissario a Terracina
di Laura Pesino
2 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Luglio 2022, 12:19 - Ultimo aggiornamento: 12:21

«Affronto questo incarico con lo spirito consueto. Sono stato commissario anche in Comuni difficili, come Gioia Tauro o i paesi della provincia di Napoli. Sono realtà che conosco e che non credo siano accostabili a questa». Sono le prime parole del nuovo commissario prefettizio Francesco Antonio Cappetta, nominato dal prefetto di Latina Maurizio Falco per guidare l’amministrazione comunale di Terracina dopo l’ondata di arresti e le successive dimissioni della sindaca Roberta Tintari e dei consiglieri.

Francesco Antonio Cappetta, attuale prefetto di Campobasso, sarà in quiescenza dal 1 agosto prossimo e dopo un incontro in prefettura a Latina raggiungerà Terracina. «Il mio spirito è come sempre quello di servizio – ha dichiarato - di sostituire gli organismi elettivi senza far venire meno il dinamismo dell’attività amministrativa. Mi insedio oggi a Terracina». Nelle prossime ore arriverà anche la nomina dei sub commissari che lo aiuteranno nell’attività all’interno dell’ente.

«Abbiamo avuto sette commissariamenti in due anni nella provincia pontina – ha dichiarato invece il prefetto Maurizio Falco – Questa volta si è scelto un prefetto ancora in servizio, un segno psicologico di attenzione al territorio. Confidiamo che si possa al più presto rimettere in moto l’amministrazione. Anche Terracina, come Latina, è un comune importante che avrà a che fare con la gestione del Pnrr».

© RIPRODUZIONE RISERVATA