Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Al Grand Prix di Malta oro per il privernate Frasca
e all'Emiro Cup in Umbria argento per la cisternese Del Prete

Il tiratore privernate Erminio Frasca
di Andrea Gionti
2 Minuti di Lettura
Domenica 20 Maggio 2018, 17:38

Il tiro a volo pontino inaugura la stagione a suon di medaglie. L’acuto più bello arriva dall’Open Grand Prix di Malta nel Trap grazie all’oro del privernate Erminio Frasca. Il portacolori delle Fiamme Oro si è meritato la qualificazione per la finale grazie al punteggio di 115/125 davanti al napoletano Simone D’Ambrosio (rientrato tra i migliori sei con lo score di 118/125), ma nella serie decisiva i due azzurri compagni anche di club non hanno avuto rivali e si sono ritrovati a contendersi i due metalli più pregiati fino ai piattelli conclusivi. Alla fine l’ha spuntata il 34enne lepino (vice campione mondiale nel 2006 a Zagabria e vincitore della finale di Coppa del Mondo del 2007 a Belgrado), salito sul primo gradino del podio con 46 piattelli e costringendo D’Ambrosio (oro nella Coppa del Mondo nel 2017 a New Delhi e bronzo iridato agli universitari di quest’anno a Kuala Lumpur in Malesia) alla piazza d'onore con 44. Terzo il maltese Brian Galea con 117 in qualifica e 30/40 in finale. Gonfia il petto il dt della Nazionale, Albano Pera, che fu argento olimpico ai Giochi di Atlanta 96: «Bravissimo il nostro Frasca, che ha confermato ancora una volta tutta la sua bravura. Questi Gran Premi sono un’ottima occasione per acquisire maggiore dimestichezza con le gare internazionali anche in ottica futura».
Da Priverno a Cisterna con la skettista Francesca Del Prete, che dopo la vittoria nella capitale marocchina di Rabat e il 7° posto nella prima tappa tricolore si è esaltata sulle pedane dell’Umbriaverde con l’argento nel Mixed Team nell’ambito della quarta edizione della Emir Cup con la presenza di 32 Paesi di ogni parte del mondo. Dominio azzurro grazie alla vittoria con il punteggio di 144/150 nelle qualifiche e nella serie finale di 55/60 di Chiara Di Marziantonio (Esercito) e Valerio Palmucci (Fiamme Oro) davanti proprio alla Del Prete (Fiamme Oro) e al romano Cristian Ciccotti (Carabinieri). Questi ultimi, rientrati tra i migliori sei grazie al 138/150 realizzato in qualifica ed al 51/60 della finale, sono stati bravi nel precedere i kuwaitiani Shaikhah Al Rashidi ed Abdelaziz Alsaad con 136/150 e 41/50. «Un altro ottimo risultato di preparazione a test più importanti – analizza la 20enne cisternese – L’obiettivo è ora incentrato soprattutto sul campionato europeo (30 luglio-12 agosto) a Leobersdorf in Austria e sul Mondiale di Changwon in Corea del Sud (31 agosto-14 settembre)».

© RIPRODUZIONE RISERVATA