Addio Monica Vitti, a Ventotene nacque il suo primo film “L'avventura”

Addio Monica Vitti, a Ventotene nacque il suo primo film “L'avventura”
di Elena Ganelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Febbraio 2022, 10:59

«Fu, forse, la più bella vacanza della mia vita». La location era l'isola di Ventotene e la narrazione di quei giorni trascorsi nel mare pontino è di Monica Vitti. L'attrice, scomparsa ieri all'età di 90 anni, racconta con dovizia di particolari quel viaggio in barca nel suo libro Sette sottane, un'autobiografia involontaria edito da Sperling & Kupfer nel 1993 nel quale rivela anche come proprio dai giorni sull'isola, dove si trovava in compagnia tra gli altri di Michelangelo Antonioni allora suo compagno, sia nato il suo primo film, “L'avventura” che nel 1960 la rese famosa.

«Arrivammo, credo, a Ventotene scrive - era allora un'isoletta disabitata, circondata dal vento, che veniva fuori da ogni angolo, come se fosse la terra a scatenarlo. I colori e i profumi mi stordivano. Ero felice. Mi sentivo così forte prosegue - che mi sono tuffata e ho nuotato, anche dove non vedevo il fondo. Non mi succede mai. Siamo scesi a Ventotene, io, con la forza degli sguardi di Michelangelo, mi sono inoltrata nell'isola. Un po', non tanto. I lievi rumori, di cui non sapevo l'origine, i piani diversi, le luci che filtravano mi mettevano una grande euforia. E la mia paura? Paura del silenzio, del rumore, del buio, della luce, delle ombre, di un muro troppo liscio? Lì era tutto sparito, c'era qualcosa di amico, di conosciuto, anche i profumi. Sono andata avanti sui rami e le foglie, poi mi sono girata ed ero sola. Solissima. Mi sono persa, scusatemi. Poi la barca è ripartita. Michelangelo dopo un po' con un sorriso mi ha detto: Mi è venuta in mente una storia su una ragazza che sparisce in un'isola. Ne parleremo insieme. È nata così “L'avventura”, il mio primo film». Con queste parole l'attrice ricordava le suggestioni e la magia che le trasmise l'isola del vento' ma era più conosciuto il legame con Sabaudia visto che su quelle dune è stata girata la scena di Amore mio aiutami' nella quale Alberto Sordi, marito tradito, la insegue e la prende ripetutamente a schiaffi, e sempre a Sabaudia è stata fotografata anche negli anni successivi in altre occasioni. Cartoline della splendida carriera di un'attrice indimenticabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA