Addio a Nando Di Pietro, aveva 90 anni, ha insegnato a guidare a mezza Latina

Addio a Nando Di Pietro, aveva 90 anni, ha insegnato a guidare a mezza Latina
di Bianca Francavilla
2 Minuti di Lettura
Martedì 14 Settembre 2021, 05:02 - Ultimo aggiornamento: 13:42

Si terranno alle 15.30 di oggi presso la cattedrale San Marco i funerali di Ferdinando “Nando” Di Pietro, venuto a mancare nella giornata di ieri all'ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Di Pietro, 90 anni, era conosciuto in città soprattutto perché proprietario dell'autoscuola di via Palestro, aperta da ben 54 anni. Dal 1948 ad oggi sono circa 20mila coloro che hanno imparato a guidare con lui e tra questi si contano anche personaggi di rilievo per il territorio come don Cesare Boschin, Giorgio Porfiri, Ajmone Finestra, nonché rappresentanti delle più storiche famiglie latinensi, oltre ai prefetti Limone, Barbato, Di Gennaro. Ma non è l'unico motivo per cui è conosciuto: Nando Di Pietro è stato, infatti, cavaliere della Repubblica sotto la presidenza di Sandro Pertini e anche presidente provinciale dell'Unasca, l'associazione autoscuole, negli anni Settanta, nonché segretario provinciale della federazione europea delle autoscuole.

Nato a Cisterna nel 1931 si stabilì a Latina molto presto, dopo un breve soggiorno a Roma, insieme alla sua famiglia. Suo fratello Orazio, morto prematuramente nel 1981, era un noto musicista jazz e chitarrista, all'altro fratello, Varaldo, è intitolato il premio "Mecenate dello sport", conferito nel 2016 all'allenatore di calcio Ranieri. Dal 2017, inoltre, è nata la Fondazione Varaldo Di Pietro che porta il nome della persona a cui si ispirano i valori di questo sodalizio, Varaldo, e che vuole ricordare la storia ricca di valori, di passione per lo sport e di impegno sociale che ha sempre caratterizzato la famiglia.

Nando Di Pietro si è sposato a Latina il primo ottobre 1955 con Assunta Muscedere, la bambina scelta per dare i fiori a Benito Mussolini in visita alla fine degli anni Trenta. Lascia le figlie Angela, Anna e Fiorella alle quali va l'abbraccio della nostra redazione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA