Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Abusivismo edilizio vista Lago di Fondi: a Monte San Biagio arrivano le ruspe

Giorno e data dell'abbattimento restano segreti per motivi di sicurezza
di Barbara Savodini
2 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Ottobre 2019, 11:21

Abusivismo edilizio vista Lago di Fondi: arrivano le ruspe. È quanto disposto dal Comune di Monte San Biagio con apposita ordinanza di demolizione pubblicata ieri sull'albo pretorio.
Giorno e data degli abbattimenti restano segreti per motivi di sicurezza mentro tutti i restanti dettagli sono disponibili online sul sito dell'Ente.

Il provvedimento riguarda, in particolare, una piccola residenza vista Lago, di circa 50 metri quadrati, utilizzata dai proprietari nonché autori dell'abuso perlopiù come casa vacanze.
Da tempo l'abitazione era sotto sequestro e, per questo motivo, in stato di abbandono. Il Comune di Monte San Biagio, particolarmente attento alla tutela del Lago che condivide con i comuni di Fondi e Terracina, ha stanziato quasi diecimila euro per l'abbattimento della struttura anche se, come da prassi, talle somma dovrà poi essere rimborsata dal responsabile dell'abuso.

Individuata la ditta esecutrice, si è reso necessario anche selezionare un responsabile dei lavori in quanto l'obiettivo è quello di tutelare il territorio non di deturparlo ulteriormente.
Non è raro, del resto, vedere autentici ecomostri vista mare o su colline protette, sequestrati e poi abbandonati all'oblio e all'incuria fino ad una sentenza definitiva che puntualmente tarda ad arrivare.
Tutto ciò non accadrà a Monte San Biagio dove, tra qualche giorno, la porzione di terreno vista lago tornerà al suo primordiale splendore.

Responsabile dei lavori sarà l'ingegner Gino Silvano, come riportato nella determina firmata dall'architetto e dirigente di settore Tiziana Di Fazio.
Durante i lavori di abbattimento l'area, ubicata in via Lungo Lago, sarà presidiata dalle forze dell'ordine. 
Mentre l'Ente si occupa di emettere in maniera puntuale le ordinanze di demolizione, proseguono anche i controlli sul campo.

Nonostante i pochi uomini a disposizione, carabinieri e agenti della Polizia Municipale di Monte San Biagio setacciano il territorio scovando, puntualmente, il furbo di turno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA