Aborto sul traghetto da Ponza: la donna si era sentita male sull'isola. Disposti accertamenti all'Asl

Sabato 5 Ottobre 2019
Aborto sul traghetto da Ponza: la donna si era sentita male sull'isola. Disposti accertamenti all'Asl
Un «drammatico caso di malasanità» se il fatto «corrisponde effettivamente al vero», sul quale bisogna «intervenire per accertare eventuali responsabilità»: è quanto segnalato dal consigliere regionale del Lazio, Giuseppe Simeone, presidente della VII Commissione Sanità, in una lettera al direttore generale della Asl di Latina. Sull'isola di Ponza una «giovane donna incinta», scrive Simeone, «avrebbe iniziato ad accusare problemi di salute legati al proprio stato di gravidanza, ovvero delle perdite di sangue».

LEGGI ANCHE Poliziotta incinta al concorso, più tutele e niente prove fisiche grazie alla denuncia di Mind The Gap

La giovane «si sarebbe recata presso il punto di Primo soccorso nell'isola, decidendo di farsi visitare dalla guardia medica di turno. Il medico in tale sede le avrebbe quindi praticato le prime cure del caso per poi consigliarle di recarsi presso l'ospedale più vicino, ovvero il Dono Svizzero di Formia, utilizzando il mezzo navale di collegamento fra le due località del sud pontino». «Senonché durante il tragitto effettuato attraverso l'imbarcazione, le condizioni della donna sarebbero peggiorate, tanto che la stessa avrebbe avvertito in misura ancora più intensa i sintomi di un aborto spontaneo. I sanitari presenti sulla nave avrebbero contattato il personale del 118 per un soccorso urgente da attivarsi tramite l'ambulanza».

Una volta giunta sulla terraferma «la giovane donna sarebbe stata trasportata dal mezzo del 118 fino al Dono Svizzero di Formia. Ma a quel punto i sanitari non avrebbero potuto fare altro che constatare l'avvenuta interruzione di gravidanza, purtroppo involontaria». Di qui la richiesta di verificare «se il fatto narrato corrisponde effettivamente al vero» da parte di Simeone, che nella lettera sottolinea «come notizie di questa portata non possono non accentuare il senso di sconforto dell'utenza pontina, anche in considerazione dei tanti problemi che affliggono quotidianamente la sanità della provincia di Latina».

Sulla vicenda è intervenuta la Asl di Latina, precisando che «in base agli elementi conoscitivi a disposizione, il professionista che si è occupato del caso ha seguito i protocolli da adottare nelle circostanze di cui trattasi. È quindi prematuro parlare di 'malasanità'. Dispiace per l'accaduto e la Direzione della Asl è vicina al dolore della famiglia. Ovviamente verranno effettuati ulteriori accertamenti anche al fine di sgombrare il campo da possibili equivoci».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma