Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

A Formia la conclusione del Festival dei teatri d'arte mediterranei

letture all'alba a Gianola per il Festival dei teatri d'arte mediterranei
di Sandro Gionti
2 Minuti di Lettura
Sabato 29 Agosto 2020, 20:38

Domani - domenica 30 agosto - si conclude a Formia la XVI edizione del Festival dei teatri d'arte mediterranei, organizzato dal Teatro Bertolt Brecht con il patrocinio del Comune. Una settimana di letture all’alba, in barca, concerti, spettacoli, mostre, lezioni di storia, incontri di approfondimento, letteratura tra musiche, danze, storia e fenomeni culturali e tradizioni popolari in luoghi di grande fascino dei luoghi. Domani alle 7 al parco di Gianola scene e letture dall’"Antigone", a cura del Matuta Teatro, con Titta Ceccano e Julia Borretti. Alle 20.30 al Circolo Nautico Caposele “Viva gli ultimi della terra”, incontro con il padre comboniano Daniele Moschetti e con Marco Omizzolo che presenta il suo libro “Sotto padrone”.

Vedi anche > Sotto padrone, viaggio nelle agromafie: la presentazione del libro di Marco Omizzolo a Latina

Alle 23.30 la conclusione nell’area archeologica Caposele con “Gli astri attorno alla bella luna”, trenta minuti di sogni per salutare il Festival, a cura di Pasquale Gionta, che nei giorni scorsi, al Circolo Caposele, aveva curato un incontro di poesie, parole e musiche del popolo Rom, insieme con Salvatore Bartolomeo, Serina Stamegna e Pompeo Perrone e le musiche di Petrika Namol e Mitika Namol.

© RIPRODUZIONE RISERVATA