Pordenone, non va al lavoro e non risponde al telefono: mamma trovata morta in casa

Sabato 11 Gennaio 2020 di Emanuele Minca
Zoppola. Non va al lavoro e non risponde al telefono: mamma trovata morta in casa

ZOPPOLA (PORDENONE) - Stupore e commozione ha scatenato ieri mattina in paese la notizia del ritrovamento del corpo senza vita di una donna di 43 anni, residente in una villetta indipendente a due passi dal centro di Zoppola. Che qualcosa di brutto fosse accaduto lo si era capito dalle sirene dei mezzi dei vigili del fuoco di Pordenone e dagli sguardi molto preoccupati dei presenti attorno alla sua abitazione, nei pressi del campo sportivo del capoluogo. Ma già il giorno prima qualche cittadino aveva riportato sui social di aver visto agenti della polizia locale affacciarsi nella via per verificare se la proprietaria fosse in casa. Di lei non si avevano risposte dal primo di gennaio.

Roma, giornalista trovato morto vicino all'auto bruciata. La telefonata all'amico: «Mi sono perso»

LA DENUNCIA
L'altro ieri però uno dei parenti residenti a Treviso, preoccupato dal fatto che la donna non rispondesse al cellulare e non si fosse presentata al lavoro, ha deciso di sporgere denuncia di persona scomparsa alle autorità venete. Poi la decisione dei parenti, assieme al legale di famiglia, di intervenire ieri mattina nella residenza della donna.

L'INTERVENTO
I vigli del fuoco sono così arrivati sul posto e una volta entrati nell'abitazione hanno rinvenuto il corpo senza vita della donna, divorziata con figlia minorenne che al momento del ritrovamento si trovava a scuola. Sul posto per i rilievi di legge sono arrivati i carabinieri di Fiume Veneto, che hanno anche effettuato un sopralluogo nella villetta.

LE INDAGINI
Le indagini sono coordinate dalla Procura di Pordenone: il pubblico ministero Federico Facchin ha subito disposto l'ispezione cadaverica per valutare cosa abbia determinato il decesso della 43enne. Un esame subito effettuato dal medico legale Valentina Zamai. Dai primi riscontri, la morte pare risalga ad alcuni giorni fa. Le indagini saranno portate avanti dalla compagnia dei carabinieri di Pordenone che stanno raccogliendo informazioni utili a valutare tutte le ipotesi. La quarantatreenne, che viveva da sola nella casa indipendente in centro, lavorava nella sede della Uil di Pordenone, e si era resa irreperibile dalle festività di fine anno. La notizia del ritrovamento ha scosso nel profondo la comunità locale, dove la donna era ben inserita e conosciuta.
Emanuele Minca 

Ultimo aggiornamento: 12 Gennaio, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma