Il Molise è la prima zona verde italiana in Europa (meno di 25 casi ogni 100.000 abitanti). Calabria rossa

Zone bianche dal 7 giugno, e il Molise è la prima zona verde italiana in Europa
4 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Giugno 2021, 15:08 - Ultimo aggiornamento: 17:59

Il Molise è la prima zona verde italiana nella mappa europea dell' Ecdc, il Centro europeo per il controllo delle malattie. È quella, cioè, con la minor incidenza di casi Covid: meno di 25 casi ogni 100mila abitanti. Anche secondo il sistema di colori italiano il Molise, infatti è contrassegnato da un colore rassicurante: è in zona bianca (meno di 50 casi ogni 100mila abitanti secondo la classificazione italiana).

L'Italia comunque è sempre più arancione con solo la Calabria in rosso. Questa settimana diventano arancioni, sempre per il sistema di rilevazione europeo, anche la Basilicata, la Toscana, la Puglia e la Campania che erano rosse nella cartina precedente, e che vanno a raggiungere quindi in una fascia di rischio più bassa il resto della Penisola, già color arancio, Isole comprese.

L'Italia è destinata a scolorirsi comunque. Sperano nella zona bianca da lunedì 7 giugno Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto. Ricordiamo che sono già in zona bianca Friuli-Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Domani ci sarà il consueto monitoraggio del venerdì e sapremo i colori ufficiali.

Curiosità: nella mappa la Svezia non è colorata perché la sua Agenzia di salute pubblica ha subito un tentativo di violazione dei dati del database SmiNet, che viene utilizzato per memorizzare le notifiche di malattie infettive. «Non è ancora chiaro se persone non autorizzate possano aver avuto accesso ai dati sensibili», recita una nota governativa.

Vacanze 2021 all'estero? Regole diverse in Grecia, Spagna, Francia, Croazia (e spuntano le prime zone verdi)

Lo sguardo in Europa

Il Covid in Europa ha colpito di piú alcuni gruppi di migranti, che sono anche quelli meno vaccinati. In particolare in Danimarca, Norvegia e Svezia i loro tassi di contagio sono stati superiori al resto della popolazione, mentre in Italia e Spagna sono risultati più a rischio di ricovero rispetto agli autoctoni. Sono alcuni dei dati evidenziati dal Centro europeo per il controllo delle malattie ( Ecdc) nel suo ultimo documento su come ridurre i contagi e aumentare le vaccinazioni tra i migranti. L' Ecdc cita uno studio italiano riferito al periodo tra il 20 febbraio e 19 luglio 2020, da cui è emerso che il 7,5% di tutti i casi di Covid erano di persone non italiane, e che questo gruppo riceveva una diagnosi più tardiva, cos come era a maggior rischio di ricovero e ingresso in terapia intensiva. Anche in Spagna uno studio ha rilevato che il 16,6% dei casi erano di non-Europei, ricoverati più spesso in terapia intensiva (16,6%) rispetto agli europei (9,6%). Inoltre in Gran Bretagna, Olanda, Francia e Svezia i migranti hanno avuto tassi di mortalitá piú alti per tutte le cause rispetto al resto della popolazione e agli anni precedenti. Piú focolai sono stati riportati in diversi campi e centri di ricezione e detenzione dei migranti in Europa. Il peso delle restrizioni e del lockdown protratto ha avuto un impatto maggiore sui migranti, a maggior rischio di perdere lavoro ed entrate e bloccando anche i processi di asilo e i ricongiungimenti familiari. Secondo l' Ecdc è essenziale coinvolgere le diverse comunità di migranti a rischio, cercando di minimizzare il rischio di contagio e dando loro un miglior accesso ai servizi sanitari e vaccinali, sopratutto a chi è escluso dal servizio sanitario. Per farlo, conclude il documento, bisogna lavorare sulle barriere individuali e strutturali alla vaccinazione, costruire fiducia nelle comunità migranti sul vaccino, contrapponendo informazioni accurate alla disinformazione, e prevedendo punti di accesso vaccinali per i migranti non registrati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA