Zona gialla 26 aprile, nel weekend spiagge aperte ma stop ai centri commerciali. Salta l’apertura festiva presente nelle bozze

Zona gialla 26 aprile, nel weekend spiagge aperte ma stop ai centri commerciali. Salta l apertura festiva presente nelle bozze
di Marco Conti
4 Minuti di Lettura
Venerdì 23 Aprile 2021, 21:42 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 11:06

Al grido che «quello che non c’è si può fare», la Lega “apre” le spiagge sin da lunedì, anche perché continua il brutto tempo e sarà difficile mettersi i costume. Ma mentre riaprono i lidi, si scopre che i centri commerciali restano chiusi nei fine settimana anche nelle regioni gialle e che la regola non cambia dal 15 maggio come invece molti speravano. Delusione delle grandi catene della distribuzione che chiedono un urgente incontro a Mario Draghi, e della Lega che continua la sua battaglia contro le residue restrizioni del decreto che entrerà in vigore lunedì prossimo. Soddisfazione invece per i virologi che in tv consigliano anche a chi e come dare ristori e sostegni vari.

Nuovo decreto, cosa si può fare: riaperture in 5 tappe. Ristoranti, visite, sport, stadi, terme: il calendario

LA SCELTA

Il «dietrofront inspiegabile», come lo definiscono gli operatori del settore, emerge dalla lettura del decreto sulla Gazzetta Ufficiale. Nel testo finale, non c’è più il riferimento previsto dalle bozze che prevedeva appunto la possibilità di aprire i mall commerciali, i parchi commerciali e le strutture analoghe nei fine settimana a partire dal 15 maggio. «È una scelta inaspettata e senza alcuna spiegazione», sostiene il presidente di Federdistribuzione, Alberto Frausin. «È un fatto inspiegabile e altamente preoccupante di cui abbiamo avuto notizia nottetempo», dichiara invece il presidente di Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori) e Coop Italia, Marco Pedroni. I centri commerciali, spiegano le associazioni, hanno preso tutte le misure per garantire la sicurezza contro il Covid ma hanno bisogno di certezza sulla data di riapertura.

 

A chiedere la riapertura anche il Pd con la deputata Alessia Morani secondo cui «i centri commerciali devono poter programmare le riaperture anche nei giorni festivi e prefestivi» e auspica che «il governo, se i dati sui contagi lo consentiranno, possa programmare al più presto anche questa possibilità per un settore che ha già sopportato grandi sacrifici». «Apprendiamo con stupore ed estrema preoccupazione» la decisione di eliminare dal testo del dl Riaperture l’attività anche nel fine settimana dei centri commerciali nelle aree del Paese a minor rischio, ovvero nelle «zone gialle», scrivono le associazioni di categoria che chiedono un incontro urgente con il Presidente del Consiglio Mario Draghi, per conoscere «le motivazioni a supporto di questa scelta». Allarma gli operatori il calo dei consumi alimentari che segue quello degli altri settori ed è forse la conferma che le famiglie dopo aver tagliato abiti, scarpe e viaggi taglia anche sul cibo. Si potrà invece andare in spiaggia. Anzi, il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, prende carta e penna per spiegare che «non esistono limitazioni per l’accesso alle spiagge.

LE SPIAGGE

Per questi motivi, l’ultimo decreto del governo non contiene una data di riapertura delle spiagge: in quanto non esiste una legge che le chiuda. Per farla semplice, le spiagge sono aperte; di conseguenza, gli operatori si possono attivare gli impianti». Anche se molto dipenderà dall’andamento futuro dei contagi, il decreto uscito ieri in Gazzetta Ufficiale rischia di avere vita molto breve rispetto alla scadenza del 31 luglio. La polemica sui centri commerciali si unisce a quella sul coprifuoco, che resta alle 22 anche nelle regioni a basso contagio, e sui ristoranti al chiuso. Tiene il punto tutto il centrodestra, anche se con accenti diversi. «Il coprifuoco alle 22 va superato già da metà maggio», sostiene la senatrice FI Licia Ronzulli che ricorda le difficoltà del settore matrimoni ed eventi. Chiede un «mea culpà del premier Draghi», Edmondo Cirielli (FdI) che si augura «una urgente modifica al decreto nell’interesse dei commercianti, dei loro dipendenti e della nostra economia». Il governo non replica anche se Draghi ha già fatto sapere, attraverso la ministra per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini, che da giorni media tra esecutivo e regioni, che «ogni due settimane verrà fatto un check e il primo ci sarà a metà maggio». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA