Zona arancione, Liguria a un passo seguita da Marche e Calabria: ecco le regole per i non vaccinati

Zona arancione, Liguria a un passo seguita da Marche e Calabria: ecco le regole per i non vaccinati
di Diodato Pirone
3 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Gennaio 2022, 10:28 - Ultimo aggiornamento: 14:41

Molto probabilmente da lunedì la zona arancione tornerà sulla mappa anti-Covid delle regioni dell'Italia. La Liguria è in pole-position perché ha superato tutti i parametri che determinano il passaggio di fascia.

Zona arancione in Liguria da lunedì. A rischio anche Marche, Lombardia, Calabria e Trento

Omicron, i posti letto in terapia intensiva salgono. Raddoppiano i bimbi ricoverati

I parametri

Per il passaggio in zona arancione una regione deve superare 3 parametri. Il primo è un numero medio di casi (incidenza) superiore a 150 per 100 mila abitanti (e tutte le Regioni sono ampiamente oltre questa soglia stabilita quandonon circolava la variante Omicron). Il secondo è l'occupazione superiore al 30% dei letti dei reparti ospedalieri dedicati al Covid. Il terzo parametro riguarda le terapie intensive occupate oltre quota 20%.

La Liguria supera tutti questi livelli. Ma anche Marche e Calabria sono piuttosto vicine ai limiti.

Le regole della zona arancione

Le restrizioni della zona arancione non toccano chi possiede il Super Green pass, ovvero vaccinati e guariti ma i non vaccinati.

Chi non ha il Super Green pass: gli spostamenti in auto verso altri comuni della stessa Regione o verso altre Regioni/P.A. sono consentiti solo per lavoro, necessità, salute o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio comune (con autocertificazione). Restano consentiti invece gli spostamenti da comuni di massimo 5.000 abitanti, verso altri comuni entro i 30 km, eccetto il capoluogo di provincia. È vietato l'accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi). E' vietato inoltre l'accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi), l'effettuazione di corsi di formazione in presenza e la pratica di sport di contatto all'aperto.

Dal 10 gennaio comunque con il green passa di base non si potrà entrare neanche in piscina o in palestra in tutt'Italia a prescindere dalla zona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA