Voli Covid-tested, oggi i primi due da New York a Milano: col tampone negativo non serve la quarantena

A Milano (dopo Roma) i primi voli Covid-tested: col tampone negativo non serve la quarantena
3 Minuti di Lettura
Sabato 3 Aprile 2021, 14:29 - Ultimo aggiornamento: 4 Aprile, 18:56

Si chiamano voli "Covid-tested" perché permettono di evitare quarantena o isolamento fiduciario al momento dell'arrivo. Basta un tampone antigenico (ovviamente negativo) prima della partenza e prima di uscire dallo scalo. La sperimentazione, che ha preso il via da un'ordinanza firmata il 9 marzo scorso dal ministro della Salute Roberto Speranza, ha preso il via oggi a Milano con due voli arrivati stamattina con circa 100 passeggeri da New York: un Delta dal JFK alle 7:45 e un American Airlines poco dopo le 9. L'obiettivo è garantire voli intercontinentali più sicuri almeno fino al 30 giugno, ma al momento possono essere usati per motivi di salute o di lavoro e non per turismo. Grazie alle strutture di testing rapido, si estende quindi l'opzione dei voli Covid-tested, già sperimentata con successo sui voli tra Roma e New York e quelli Linate-Fiumicino. A Malpensa, inoltre, i passeggeri in partenza per qualsiasi destinazione possono effettuare un tampone antigenico a pagamento in area check in.

«Rappresentano un segnale molto importante e l'inizio della ripartenza - ha detto il ministro del Turismo Massimo Garavaglia, presente al Terminal 1 dell'aeroporto lombardo assieme al presidente della Regione Attilio Fontana. Sappiamo che sta per arrivare il green pass europeo, un lasciapassare che sostanzialmente con i tamponi permetterà di riprendere a viaggiare. Ecco, questo è l'inizio e si parte con Milano-New York che ha un significato molto importante». 

American Airlines, voli senza obbligo di quarantena da Fiumicino a New York

Anche a Verona voli Covid-tested: si vola alle Canarie

È decollato questa mattina alle 10 dall'aeroporto Catullo di Verona il volo "Covid-tested" della compagnia aerea Neos, diretto a Tenerife e Fuerteventura. Le persone imbarcate nel Boeing 737/800 erano 170, pari a oltre il 90% del coefficiente di riempimento dell'aeromobile. I passeggeri hanno presentato al banco check-in l'esito negativo del tampone molecolare effettuato nelle 72 ore antecedenti al loro ingresso alle Canarie. Per il rientro in Italia, sabato 10 aprile, i passeggeri esibiranno all'aeroporto di partenza, alle Canarie, la certificazione relativa al tampone effettuato nelle 48 ore antecedenti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA