Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, in Lombardia frenano morti (19) e nuovi casi ma drastico calo dei tamponi

Coronavirus, in Lombardia frenano morti (19) e nuovi casi ma drastico calo dei tamponi
2 Minuti di Lettura
Lunedì 1 Giugno 2020, 17:31 - Ultimo aggiornamento: 17:44

Coronavirus, il bollettino in Lombardia di oggi, lunedì 1 giugno 2020. I dati di oggi inducono all'ottimismo anche se va segnalato che il numero di tamponi eseguiti è stato basso (3.572). Registra una netta frenata il numero dei contagiati dal Covid-19 in Lombardia. Si sono registrati infatti solo 50 nuovi casi (per un totale da inizio emergenza che arriva a 89.018). Sono 167 i ricoverati in terapia intensiva (tre meno di ieri) e 3.085 quelli negli altri reparti (- 46). Sono invece stati 19 i morti per un totale di 16.131.

Quello della Lombardia «non è un problema». Questa regione «ha più casi delle altre, ma è stata anche la più colpita in assoluto, quindi è evidente che si trovino ancora casi positivi, ma si tratta di numeri esigui». Così il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, durante la trasmissione Timeline, su SkyTg24. C'è ancora, ha aggiunto Sileri, «una coda di soggetti positivi, ma si tratta per lo più di persone che aspettano il tampone da tempo oppure hanno fatto un test sierologico e poi il tampone è risultato positivo», comunque «sono numeri in discesa». Quanto alla riapertura dei confini tra regioni, «siamo stati molto rigorosi nel computo e nella valutazione dei criteri stabiliti per le riaperture in sicurezza» e «il Governo non è stato influenzato dal peso della Lombardia». «I dati contenuti nell'ultimo report - ha concluso - mostrano la possibilità delle riaperture. Ma questo non significa che non continueremo a monitorare».




Coronavirus, a Roma dal 3 giugno controlli in stazioni e aeroporti. D'Amato: «Difendere Roma»
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA