CORONAVIRUS

Virus, dal 18 l'Emilia Romagna pronta a riaprire anche le spiagge

Martedì 12 Maggio 2020
Virus, dal 18 l'Emilia Romagna pronta a riaprire anche le spiagge

L'Emilia-Romagna alza l'asticella ed è pronta a riaprire anche le spiagge, oltre a negozi, bar, ristoranti, parrucchieri, estetisti, tatuatori, a partire dal 18 maggio, «sempre rispettando le norme di sicurezza». Lo spiega la Regione, garantendo la sicurezza in materia di Covid-19: in questi giorni «termineranno i lavori dei tavoli tecnici chiamati a definire i protocolli di sicurezza per il riavvio delle diverse attività ora sospese, nel rispetto delle linee guida nazionali».

Virus Roma, ristoranti e boutique: si riparte da lunedì. Più tavolini, ok in 24 ore

Via libera di Conte: dal 18 ok a bar, ristoranti e parrucchieri. Regioni autonome, ma governo potrà bloccarle

«Sappiamo che una comunità non può bloccare a lungo la propria economia, senza rischiare gravi ripercussioni anche sul piano sociale. Per questo guardiamo con fiducia alle riaperture di molte attività economiche ora sospese a causa dell'emergenza Covid-19. E stiamo lavorando affinchè tutto questo avvenga nelle condizioni di massima sicurezza per tutti». È il commento di Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo, Commercio e Trasporti della regione Emilia Romagna, alla decisione del governo di consentire una ripartenza differenziata delle attività economiche sulla base dell'andamento del contagio e dei dati epidemiologici nelle diverse regioni italiane. Per quanto riguarda l'Emilia Romagna, questo vuol dire riapertura, da lunedì 18 maggio, di negozi, bar, ristoranti, mercati, parrucchieri, estetisti, tatuatori, spiagge, sempre «rispettando norme di sicurezza».

Le linee guida: una superficie minima a ombrellone di 12 metri quadrati, un metro e mezzo tra le attrezzature di spiaggia, come lettini e sdrai sulla battigia, numerazione e assegnazione delle postazioni o degli ombrelloni, steward appositamente formati per accompagnare gli ospiti all'ombrellone o al lettino, pasti ordinati col delivery all'ombrellone-lettino.
 

Ultimo aggiornamento: 15:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani