Pornografia minorile, il giudice Gaetano Amato condannato a 7 anni per violenza sessuale

Mercoledì 10 Ottobre 2018
Pornografia minorile, il giudice Gaetano Amato condannato a 7 anni per violenza sessuale
Ha abusato di due ragazzine di 16 anni mentre dormivano, ne ha spogliata una, riprendendo tutto con il cellulare. L'ha toccata continuando a girare le immagini. Poi ha messo in Rete il video. Nel suo pc gli inquirenti hanno trovato file scabrosi con protagonisti minori: Gaetano Amato, ex giudice della corte d'appello di Reggio Calabria non ha saputo dare una spiegazione plausibile.

Oggi il gup di Messina l'ha condannato a 7 anni di reclusione per violenza sessuale e produzione e diffusione di materiale pedopornografico. Arrestato un anno fa, dopo qualche mese è stato messo ai domiciliari in un centro di cura per persone affette da disturbi sessuali. Intanto il Csm l'ha sospeso dalle funzioni e dallo stipendio e ha aperto un procedimento disciplinare che potrebbe chiudersi con la radiazione.

L'inchiesta che ha portato al processo, celebrato in abbreviato, è stata coordinata dal procuratore di Messina Maurizio De Lucia e dell'aggiunto Giovannella Scaminaci. Il reato contestato al magistrato è il 600-Ter del codice penale che punisce chi sfrutta minorenni per realizzare esibizioni pornografiche o produrre materiale pornografico. Il reato fu commesso a Messina, città d'origine di Amato.

Al momento dell'arresto il giudice era in servizio alla sezione penale della Corte d'appello di Reggio Calabria. In precedenza era stato alla sezione civile. Trascorsi i dieci anni, era passato al penale dove ha fatto parte anche di collegi di Corte d'assise e della sezione misure di prevenzione. Nel 2009, quando lavorava come giudice a Messina, Gaetano Amato subì un procedimento del Csm per un ritardo nel deposito di alcune sentenze. Nella contestazione si rilevava come ci fossero troppi provvedimenti del magistrato presentati oltre i termini.

A Palazzo dei Marescialli lo avevano dichiarato colpevole e sanzionato con un'ammonizione. Nel giugno del 2016 a Reggio Calabria, fu tra i promotori di una iniziativa della Corte d'appello a difesa di una collega finita al centro delle polemiche per non avere osservato i tempi per la redazione delle motivazioni della sentenza del processo "Cosa mia" sulle cosche di 'ndrangheta di Rosarno, circostanza che avrebbe portato alla scarcerazione di tre presunti affiliati alle 'ndrine.
Ultimo aggiornamento: 22:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA