Viaggi all'estero vietati, il Governo pensa a una stretta fino al 30 aprile

Viaggi all'estero vietati, il Governo pensa a una stretta fino al 30 aprile
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 31 Marzo 2021, 11:39 - Ultimo aggiornamento: 18:02

La stretta decisa ieri con un'ordinanza del ministro della Salute sui viaggi all'estero nel periodo di Pasqua potrebbe essere prorogata ben oltre le festività. Si tratta della norma - pubblicata ieri sera in Gazzetta Ufficiale e in vigore da oggi fino al 6 aprile - che prevede per chi arriva o rientra dai Paesi dell'Unione Europea un tampone in partenza, una quarantena di 5 giorni al rientro e un ulteriore tampone al termine dei 5 giorni. Fonti di governo spiegano all'Adnkronos che è sul tavolo l'ipotesi concreta di prorogarla fino alla fine del mese.

Vacanze estive, le 130 mete raggiungibili grazie al vaccino: il piano della Gran Bretagna

Seconde case, spostamenti vietati in sette Regioni. Non in Sicilia: a Pasqua 50mila arrivi

«L'anno scorso abbiamo avuto una stagione turistica quasi normale in tutta Italia, la novità quest'anno è che oltre al piano di vaccinazione, che va molto veloce, ci sarà il lasciapassare europeo, per cui avremo una stagione sicuramente migliore e inizieranno a tornare i turisti stranieri». Così il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, a Olbia per l'inaugurazione del primo Health Testing Center aeroportuale in Italia. «Questo centro è fondamentale, è uno dei tasselli del lasciapassare europeo - afferma -. Poter fare i tamponi veloci consente di accelerare le procedure e quindi di tornare a viaggiare serenamente».

 

«Pian pianino andiamo verso la bella stagione e come l'anno scorso avremo un semplice colore giallo o bianco: l'importante è poi non richiudere più. E non si richiude più se si fa un piano di vaccinazione e si completa la vaccinazione per settembre».

«Il protocollo Sardegna Sicura di fatto, già da un mese, anticipa quello che sarà il green pass, il lasciapassare europeo che consentirà di viaggiare alle persone che hanno fatto il tampone, con risultato negativo». Lo ha affermato il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, in merito al sistema di controlli sanitari nei porti e aeroporti isolani, introdotti quando la Sardegna era in zona bianca e tuttora vigenti per chi sbarca sul territorio regionale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA