Verona, «fatto scendere dal taxi perché sono disabile»: la denuncia di Vincenzo Falabella

Denuncia sui social del presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap Vincenzo Falabella

Tassista non fa salire disabile in carrozzella sotto la pioggia: è il presidente della Fish, parte l'esposto
3 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Ottobre 2022, 10:46 - Ultimo aggiornamento: 11:13

Il presidente della Fish - onlus Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap, Vincenzo Falabella, ha presentato il 2 ottobre 2022, al comandante della Polizia Locale di Verona Luigi Altamura un dettagliato esposto sul episodio accaduto nella serata di venerdì scorso presso il posteggio taxi della stazione di Verona Porta Nuova ai danni di un disabile. L'episodio ha visto come protagonista lo stesso presidente, fatto scendere da un taxi perché in sedia a rotelle e costretto a prendere un altro mezzo, davanti a decine di persone e sotto la pioggia. Altro aspetto che la Polizia locale dovrà accertare è il motivo per cui il tassista ha fornito un diverso numero di licenza a Falabella che ha però provveduto a scattare una foto del taxi. Oltre agli aspetti penali per il reato di interruzione di pubblico servizio, va ricordato come il Regolamento per il Servizio Pubblico di trasporto di persone e bagagli con autovetture in servizio da piazza servizio taxi del comune di Verona prevede anche la sospensione o la revoca della licenza per i casi più gravi. 

 

IL GOVERNATORE 

«Spero che la Polizia locale di Verona faccia al più presto chiarezza in modo di poter applicare quanto prevede la legge per casi come questo. Si tratta di una circostanza molto triste, nella quale emerge una particolare insensibilità d'animo» commenta il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia sul presidente della Fish Falabella e la vicenda di venerdì sera «L'insensibilità d'animo - prosegue il presidente Zaia - è una caratteristica umana che non fa parte del Dna, della storia e della cultura dei veneti, gente attenta al prossimo al punto che uno su cinque di loro è impegnato nel volontariato. L'auspicio è quello di non dover più leggere di fatti di questo tipo». 

Lite per il parcheggio disabili. Invalida insultata urta il furgone. Indagano i carabinieri

© RIPRODUZIONE RISERVATA