Covid, Task force 2020: il Ministero della Salute pubblica i verbali di gennaio e febbraio

verbali della prima Task force anti Covid
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Giugno 2021, 17:30

Il Ministero della Salute ha pubblicato sul suo sito online i verbali della prima Task force anti Covid istituita a fine gennaio del 2020. A stabilire la pubblicazione di tutti i documenti inerenti le riunioni del periodo 22 gennaio-21 febbraio 2020 è stato il Tar del Lazio con una sentenza pubblicata il 7 maggio scorso, che ha accolto il ricorso del deputato di Fratelli d'Italia, Galeazzo Bignami, a cui era stato negato l'accesso agli atti.

Cosa emerge dai verbali

La task force ministeriale, come viene indicato nel verbale della seduta del 21 gennaio e reso noto all'epoca con un comunicato stampa, era stata istituita con il compito di «coordinare ogni iniziativa relativa al Coronavirus 2019-nCoV». Operativa in modo permanente, si riuniva quotidianamente ed era composta: dalla direzione generale per la prevenzione, dalle altre direzioni competenti, dai Carabinieri dei Nas, dall'Iss, dall'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani, dagli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera, dall'Aifa, dall'Agenas e dal consigliere diplomatico.

Nella riunione del 15 febbraio 2020 invece viene menzionata per la prima volta la necessità di aggiornamento del Piano pandemico nazionale messo a punto nella pandemia di influenza del 2009A evidenziare il problema è Francesco Paolo Maraglino, del dipartimento Prevenzione del ministero. «Il dottor Maraglino - si legge nel verbale della riunione - evidenzia la necessità di procedere a un aggiornamento del Piano nazionale di preparazione e risposta a una pandemia influenzale, risalente al 2009».
Tema che ritorna nella riunione del 16 febbraio, quando ancora Maraglino «informa che il tavolo di lavoro per l'aggiornamento del Piano pandemico si riunirà il 18 febbraio. Si lavorerà in sottogruppi per accelerare i lavori».

Il rapporto Oms fantasma, Speranza scarica Guerra: «Lo hanno cancellato loro»

© RIPRODUZIONE RISERVATA