ACQUA ALTA VENEZIA

Acqua alta, Venezia vicina al baratro. Conte: «Stato di emergenza». Danni per centinaia di milioni

Mercoledì 13 Novembre 2019
7
Venezia devastata, Conte: «Domani cdm per stato di emergenza, finire il Mose». Danni a San Marco

Venezia l'ha scampata per un soffio. Ma l'acqua alta peggiore degli ultimi 50 anni ha spinto la città sull'orlo del baratro. La Serenissima, risvegliatasi dopo la notte del metro e 87 di marea, è apparsa una città allo stremo, ferita. Ma non morta. Gondole e barche scaraventate sulle rive, giganteschi vaporetti accartocciati sui masegni agli Schiavoni come giocattoli (sono cinque i mezzi pubblici affondati o danneggiati). Per tutta la giornata di ieri era poi salita la preoccupazione per una nuova alta marea in serata, ma per fortuna la massima ha faticando a raggiungere quota 80 cm, sotto la quale neppure Piazza San Marco viene allagata. Il vento di scirocco è scemato, la pressione atmosferica è in aumento, e questo gioca contro le maree eccezionali. Erano risuonate ancora le sirene d'allerta, per una previsione di 125 cm, alle 23.35, ma in realtà si è oscillato tra 76 e 77 centimetri sul medio mare.

Venezia, la marea a 187 centimetri. Danni a San Marco. Venti a 100 km/h. Il sindaco: un disastro
Meteo, venti forti e temporali senza tregua: nuovo ciclone in arrivo

Per verificare con i propri occhi cosa è accaduto è giunto ieri sera in laguna il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. «Non siamo in grado di quantificare i danni - spiega il premier al termine della riunione -. Domani c'è un Consiglio dei ministri tecnico, molto limitato, che sicuramente prenderà in carico la richiesta di stato di emergenza del presidente Zaia. Allo stato non ci sono ragioni per negarlo e stanziare i primi fondi». Per il Mose, il sistema di paratie che dovrebbe salvare la città dalle maree eccezionali - assicura - siamo alle battute finali. «Siamo al 92-93% dell'opera - dice - e guardando all'interesse pubblico non c'è che da prendere una direzione nel completamento di questo percorso». 

Venezia, i turisti tornano in Piazza San Marco per scattare selfie nell'acqua alta

Per il commissario del Mose «c'è una procedura in corso», ha aggiunto il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli: «quando avremo tutte le firme lo comunicheremo». Il Day after di Venezia è iniziato sotto un cielo grigio e carico di pioggia, con l'allarme per un altro assalto della marea. Che per fortuna non ha infierito. Un metro e 44 centimetri sul medio mare a metà mattina. Una misura eccezionale, che è apparsa tuttavia quasi normale dopo la catastrofe di 12 ore prima. I danni, da stimare con certezza, sono nell'ordine delle centinaia di milioni di euro, ha anticipato il sindaco Luigi Brugnaro, che ha passato la notte a far sopralluoghi in ogni dove, ed ha chiesto la dichiarazione di stato di emergenza. 
 

 

Maltempo, tromba d'aria in Salento, Alto Adige paralizzato dalla neve, maxi-voragine a Napoli

In città, nel pomeriggio, è arrivato anche il premier Giuseppe Conte - «è una situazione drammatica, c'è una comunità che soffre», ha detto - che si fermerà a Venezia anche domani. Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha telefonato al sindaco Brugnaro per informarsi delle condizioni della città. Colpiti dalla mareggiata alcuni dei simboli di Venezia nel mondo: la Basilica di San Marco, dove la marea è entrata come un fiume nella cripta, il teatro La Fenice, che ha dovuto annullare i concerti previsti per stasera e domani, il municipio di Cà Farsetti, sul Canal Grande, rimasto isolato. Grande amarezza nella reazione del procuratore di San Marco, Pierpaolo Campostrini, che un'altra volta ha dovuto assistere impotente alla violenza dell'acqua sui marmi e i mosaici policromi della Basilica. 
 

 
 
«Siamo stati a un soffio dall'Apocalisse, a un pelo dal disastro. Superato il metro e 65 cm l'acqua è entrata, ha allagato il pavimento e rompendo le finestre è finita nella cripta, allagandola» ha raccontato. Un pericolo, perché potevano crearsi problemi statici alle colonne che reggono la chiesa. Il bilancio delle vittime resta fermo a due. Solo una di queste, però, un anziano di 78 anni rimasto fulminato mentre cercava di far ripartire le elettropompe nella casa sommersa, a Pellestrina, è collegabile direttamente alla catastrofe. L'altro, sempre a Pellestrina, è un uomo vittima probabilmente di un malore. Sgomento anche il presidente del Veneto, Luca Zaia, che ha parlato di «una devastazione apocalittica e totale. Non esagero con le parole, l'80% delle città è sott'acqua, danni inimmaginabili, paurosi».

Tromba d'aria a Porto Cesareo: ristorante devastato, pontile sradicato dalla forza del vento

Il ministro degli esteri e leader M5S, Luigi Di Maio, ha annunciato una moratoria per famiglie e imprese: «Venezia è sommersa come mai prima d'ora - ha detto - Qui è a rischio la vita delle persone, i beni culturali dal valore inestimabile. Gli imprenditori e le associazioni che fanno grande questa regione ci chiedono che si blocchino mutui e contributi. A questa richiesta dobbiamo rispondere subito». 

Venezia, acqua alta da record: «Alla Basilica di San Marco sfiorata l'Apocalisse»
Maltempo a Venezia, Pellestrina sommersa dall'acqua: danni e vittime

 


«Le stime dei danni sono molto ingenti. Parliamo di centinaia di milioni di euro. Non si tratta di quantificare i danni soltanto, ma del futuro stesso della città» ha osservato Brugnaro durante la conferenza stampa che ha fatto il punto della situazione, presenti il governatore Zaia, il capo dei vigili del fuoco, Fabio Dattilo, il responsabile della Protezione Civile, Angelo Borrelli, il patriarca Francesco Moraglia. 

Jesolo, mareggiata fa scomparire la spiaggia: gravi danni anche agli alberghi

 


Acqua alta a Venezia, le foto della storica ondata di marea del 1966

Il ministro della cultura Dario Franceschini «ha attivato sin dalle prime ore di allerta a Venezia l'unità di crisi per la verifica e la messa in sicurezza del patrimonio culturale». Su tutto resta il rammarico per un progetto faraonico pensato per proteggere Venezia dal mare che ancora non è partito: il Mose. Il ministro Federico D'Incà, sentita la collega con delega alle infrastrutture Paola De Micheli, ha annunciato che «a giorni arriverà la nomina del commissario al Mose, che va finito il prima possibile».​
 

Il nodo Mose. Torna centrale la questione Mose, il progetto finalizzato alla difesa della Laguna di Venezia dall'acqua alta. «Purtroppo ci sarà un'altra alta marea, a spanne mezzo miliardo di danni. Il Mose è pronto ad entrare in azione ma servono 100 milioni per la manutenzione annua. Uscito da qui andrò al Senato per un emendamento alla manovra per trovare questi soldi, per mettere in sicurezza un patrimonio non italiano, ma mondiale», spiega Salvini a Mattino 5. «Luca Zaia mi ha detto dei 5 miliardi del Mose che stanno ancora inutilizzati sott'acqua - spiega il governatore toscano - e del fatto che in ogni caso non avrebbero tutelato piazza San Marco. Chiude l'Ilva e annega Venezia: senza la buona politica l'Italia non si salverà», ha scritto su Facebook il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. 

Venezia, Mose ancora in alto mare: a ottobre l'ultimo stop ai lavori
 

Ultimo aggiornamento: 14 Novembre, 07:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma