Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaccini, il vaporetto a Pasquetta diventa un Hub per gli over 80 a Venezia. Ecco come prenotare

Vaccini, il vaporetto a Pasquetta diventa un Hub per gli over 80. Ecco come prenotare
2 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Aprile 2021, 19:39

Il vaccino a Pasquetta si fa sul vaporetto. Ebbene sì, il 5 aprile l'imbarcazione tipicamente veneziana diventerà un hub per gli over 80. Un'iniziativa nata dal progetto del Direttore Generale dell'Ulss3 Serenissima Edgardo Contado e dal Sindaco Luigi Brugnano con l'obiettivo di sensibilizzare la cittadinanza sulla tematica della vaccinazione ma anche di limitare così gli spostamenti degli anziani che hanno più difficoltà per raggiungere i centri di somministrazione. Il mezzo, messo a disposizione da Actv (azienda del trasporto pubblico) su richiesta del Comune di Venezia, è stato allestito dall'Ulss 3 Serenissima e attenderà i residenti over 80 di Sant'Erasmo e delle Vignole per consentire loro di ricevere il vaccino senza dover lasciare l'isola.

Video

Come prenotare

Perché il servizio si possa svolgere al meglio, la vaccinazione va obbligatoriamente prenotata attraverso il portale della Regione Veneto https://vaccinicovid.regione.veneto.it/. «Dopo essere intervenuta la settimana scorsa in due aree territoriali particolari come Pellestrina e Burano-Mazzorbo-Torcello - spiega Contato - l'Ulss 3 Serenissima, con la collaborazione dell'amministrazione civica e di Actv, porta direttamente la vaccinazione agli anziani a Sant'Erasmo e Vignole. Le squadre speciali del nostro Servizio di Igiene e Sanità Pubblica danno, come avviene ormai da tempo, la loro disponibilità in una giornata festiva, per consentire ancora una volta un servizio 'di prossimità' e di attenzione ai nostri anziani».

© RIPRODUZIONE RISERVATA