Uomo obeso di 230 chili trasportato a casa dall'ospedale con l'autogru e 18 uomini: l'incredibile intervento dei Vigili del fuoco

L'uomo allettato non riusciva a raggiungere la propria abitazione al secondo piano sulle sue gambe

Obeso riportato a casa dall'ospedale con l'autogru
di Laura Bon
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Ottobre 2022, 09:22 - Ultimo aggiornamento: 09:26

Numerose ore di lavoro, 18 persone coinvolte, autoscala, imbragatura. Mobilitazione di Suem, vigili del fuoco e Protezione civile. Coinvolte non solo le forze di Montebelluna ma anche quelle in arrivo da Treviso. L'incredibile dispiegamento di uomini e mezzi non è stato reso necessario, ieri pomeriggio,4 ottobre, da chissà quale missione, ma semplicemente per riportare a casa, sul suo letto, un giovane di 36 anni dimesso dal locale ospedale.

Alessandro suicida a 13 anni a Gragnano, il tema mai letto sul quaderno: ​«Sono vittima di bullismo»

Un'operazione titanica

L'operazione, semplice nella maggior parte dei casi, è diventata infatti un'impresa in quanto il giovane pesa circa 230 chilogrammi ed essendo allettato non era in grado di raggiungere in alcun altro modo la sua abitazione, situata al secondo piano di un palazzo cittadino. Così l'unica possibilità era rappresentata dall'ingresso attraverso la finestra. Un'operazione che, a quanto pare, il protagonista ha affrontato con tranquillità, ma che ha attirato parecchi curiosi che indubbiamente hanno solidarizzato con lui. Solo alle 18, del resto, l'intervento, cominciato a inizio pomeriggio, si è finalmente concluso. Con un lieto fine, ovvero il ritorno a casa del giovane. Che c'è da augurarsi possa essere presto in grado di muoversi sulle proprie gambe. La sua storia, del resto, pur inconsueta e destinata a far riflettere, non è unica. Le cronache raccontano infatti di molteplici episodi simili, in Italia e nel mondo. Come quello di un giovane inglese completamente bloccato a letto e dipendente da altre persone a causa del suo peso eccessivo. Il ragazzo per ben 5 anni non è riuscito a muoversi nemmeno di un centimetro, in una sorta di prigionia nella sua stessa casa. Finchè, raggiunto il punto di non ritorno, ha deciso di chiamare i vigili del fuoco perchè lo portassero in ospedale. Una vera e propria impresa, che ha richiesto l'intervento di 30 uomini: i soccorritori infatti hanno dovuto utilizzare una gru per calarlo dalla finestra poichè se lo avessero fatto alzare il pavimento sarebbe potuto crollare sotto il suo stesso peso.

Ambulanze speciali per il trasporto di obesi

Esistono del resto anche ambulanze progettate e attrezzate per i pazienti obesi, sia per il trasporto in ospedale sia da una struttura sanitaria all'altra. Hanno barelle più grandi, dotate di ruote più rinforzate, e teli di trasporto più forti, dotati di manici. Tutto ciò non solo protegge il paziente, ma anche gli operatori sanitari. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA