Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ultraleggero precipita dopo aver toccato i cavi elettrici a Verona, morto il pilota

Ultraleggero precipita dopo aver toccato i cavi elettrici a Verona, morto il pilota
1 Minuto di Lettura
Venerdì 4 Gennaio 2019, 17:06 - Ultimo aggiornamento: 19:30

È morto il pilota che era alla guida di un ultraleggero, caduto nel pomeriggio in uno spazio aperto dello scalo merci della stazione ferroviaria di Sommacampagna. La vittima aveva 71 anni ed era residente a Sona (Verona). Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, il velivolo sarebbe precipitato dopo aver avrebbe urtato un cavo dell'alta tensione. L'ultraleggero era partito da un pista della zona. Sul posto l'Arma di Villafranca (Verona). 

Si chiamava Luciano Urbani ed era un imprenditore nel settore immobiliare, con interessi anche nella logistica, il pilota morto nell'incidente aereo con l'ultraleggero che oggi ha toccato i cavi dell'alta tensione finendo la sua corsa nella zona industriale di Sommacampagna (Verona). Urbani era alla guida dell'omonimo Gruppo con sede a Sona: la sua morte è stata commemorata anche dal consigliere regionale del Gruppo Misto, Stefano Valdegamberi, che in un post su Facebook ha ricordato l'amico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA