«Uccisa dal web», la storia di Tiziana Cantone diventa un libro

Domenica 17 Febbraio 2019

Due anni prima di togliersi la vita - il 13 settembre 2016 impiccandosi nella sua casa di Mugnano, Napoli - dopo una gogna mediatica senza pietà dovuta alla diffusione dei video hot, Tiziana Cantone era una giovane donna come tante. A maggio 2014, però, conosce «Lui» e tutto ha inizio. Ciò che sappiamo di questo periodo emerge dalle conversazioni WhatsApp analizzate da Luca Ribustini e Romina Farace, autori del libro inchiesta «Uccisa dal web»: 27 mila messaggi (di cui solo una minima parte precedentemente passata al vaglio) fondamentali per capire davvero ciò che finora è rimasto nascosto e la genesi di un femminicidio social.
 

 

Il libro, che esce in concomitanza con il processo all'ex di Tiziana, racconta molti particolari inediti sul periodo antecedente il suicidio: quei 12 mesi precedenti la diffusione dei video privati di Tiziana e, grazie al lavoro scrupoloso degli autori, unito alla testimonianza della madre, Maria Teresa Giglio, lascia emergere una realtà diversa che sarà dibattuta in fase di processo. Da questa inchiesta e da questi messaggi, il rapporto con la madre, l'abbandono paterno in tenera età e soprattutto la frustrazione di non riuscire a legare a sé un uomo, divengono fondamentali per comprendere come si sia giunti alla tragedia. Fino a che punto si può arrivare per non perdere «Lui»? Trascinata nel baratro dalla perfida rassicurazione che più sarebbe andata «oltre», meno avrebbe rischiato di essere abbandonata, Tiziana ha visto le sue richieste d'aiuto cadere nel vuoto, divenendo un «meme», una vittima della manipolazione maschile e della gogna social, in grado di tramutare il diffuso fenomeno del sexting in un femminicidio.

Luca Ribustini, giornalista e documentarista, dal 2013 lavora per i principali canali televisivi russi tra cui Ren Tv, per il quale è stato inviato di guerra in Ucraina. Ha pubblicato Nuvole di memoria insieme a Maurizio Morelli (2010) e il libro inchiesta Il mistero della corazzata russa. Fuoco, fango e sangue (20182). Romina Farace, primo legale a rappresentare Maria Teresa Giglio, ricopre la carica di vicepresidente dell'associazione onlus «Tiziana Cantone per le altre». Questo è il suo primo libro inchiesta.

Ultimo aggiornamento: 16:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Fermiamo i furti di cani». L’appello social dei padroni

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma