Uccide la moglie a bastonate e si impicca: lei era malata e lui non riusciva più ad accudirla

Venerdì 12 Aprile 2019
Uccide la moglie a bastonate e si impicca: lei era malata e lui non riusciva più ad accudirla

​Uccide la moglie a bastonate e si impicca: lei era malata di demenza senile. L'omicidio-suicidio è avvenuto in mattinata a Zola Predosa, nel Bolognese. Dalla prima ricostruzione dei carabinieri l'uomo, Giancarlo Bedocchi di 84 anni, avrebbe colpito a bastonate la moglie Elena Caprio, di un anno più giovane, per poi farla finita impiccandosi. Il gesto sarebbe riconducibile alle difficoltà nell'assistenza alla donna da parte dell'anziano.

Papa Francesco va a sorpresa in un centro per malati di Alzheimer ad abbracciare i pazienti

Morto Seymour Cassel, l'attore statunitense di John Cassavetes e Wes Anderson
 


A scoprire la tragedia sono stati i carabinieri di Zola Predosa, avvertiti dalla nuora della coppia, che aveva un solo figlio di 50 anni che abita poco lontano. Non riuscendo a mettersi in contatto con i suoceri, la donna è andata a controllare, ma ha trovato la porta chiusa dall'interno e nessuno che rispondeva.

I militari, entrati in casa con l'aiuto dei Vigili del Fuoco, hanno trovato il corpo senza vita di Elena Caprio in camera da letto e quello dell'uomo in una stanza vicina, impiccato alla grata di una finestra. L'appartamento era in ordine e Giancarlo Bedocchi non avrebbe lasciato biglietti, ma secondo gli investigatori la dinamica dell'accaduto è chiara.

A quanto risulta, l'uomo si occupava da solo di accudire la moglie, che aveva problemi di deambulazione e di demenza senile. Lo aiutavano il figlio e la nuora, ma non risulta che gli anziani coniugi avessero badanti o altre forme di assistenza.

«Due persone deliziose, mai ci saremmo aspettati una cosa così» è uno dei commenti fatti ai cronisti dai vicini, quando hanno saputo dell'accaduto. A Bologna, quello di oggi è il terzo omicidio suicidio che coinvolge persone anziane nel giro di pochi mesi.

Lo scorso 9 gennaio, in via della Secchia zona Saffi, un uomo di 80 anni aveva ucciso con un colpo di fucile la moglie 74enne gravemente malata, poi si era tolto la vita con la stessa arma. Un vicenda analoga era successa il 27 novembre in via Montefiorino, a poche centinaia di metri di distanza: un uomo di 93 anni aveva ucciso nel letto la moglie 91enne, sofferente di Alzheimer, poi si era suicidato buttandosi dalla finestra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma