Uccise figlia di due anni a Cremona: «È colpa del malocchio, io vittima di stregoneria»

Martedì 13 Ottobre 2020
3
Uccise figlia di due anni a Cremona: «È colpa del malocchio, io vittima di stregoneria»

Al processo per aver ucciso a coltellate la figlia Gloria di soli due anni, si è difeso dando la colpa al malocchio. L'omicidio era avvenuto lo scorso 22 giugno 2019, in provincia di Cremona. Oggi Jacob Danho dichiara di «aver perso la testa in un momento di follia», ma che «il gesto non sarebbe naturale, piuttosto determinato dalla stregoneria. Una fattura che mi hanno lanciato in Costa D'Avorio, Audrey, madre di Gloria, e la santona Madame Elysée».

 

Entra a casa della ex e accoltella il nuovo compagno: l'uomo è in fin di vita. Caccia all'aggressore

 

Le affermazioni della confessione sono state lette in aula dalla presidente Anna Di Martino e riportate dalla Provincia di Cremona. Isabelle Audrey è l'ex compagna di Jacob Danho. La coppia si era separata da alcuni mesi. «Ho avuto un raputs, ho preso il coltello e ho fatto questa cosa. Anche io mi sono ferito. Quando mi sono ripreso, dopo diverse ore, avevo perso tutta la mia forza. Avevo pensato anche ad uccidermi e a mettere fine alla mia vita, oltre a quella di Gloria».

 

Ultimo aggiornamento: 15:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA