TERREMOTO

Terremoto in Grecia, mini-tsunami su tre regioni italiane. L'Ingv: «Si è rotta una faglia»

Venerdì 26 Ottobre 2018
Terremoto in Grecia, in Italia mini-tsunami su tre regioni. L'Ingv: «Si è rotta una faglia»

Il violento terremoto di stanotte in Grecia, a sud di Zante (magnitudo 6.8) ha provocato un mini-tsunami che ha fatto salire il livello del mare di un massimo di dieci centimetri nei porti italiani di Puglia, Calabria e Sicilia. A sollevare il mare è stata la rottura di una faglia.

Terremoto di 6.8 in Grecia, a sud di Zante, edifici crollati

Lo ha detto Franco Mele, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), al lavoro nella sala operativa del Centro Allerta Tsunami italiano, operativo dal 2017 grazie alla collaborazione tra Ingv, Ispra e Protezione Civile. Secondo i dati dell’Ingv, rilevati dai sensori installati nei porti, lo tsunami ha fatto sollevare il livello del mare di 8 centimetri a Otranto, di dieci centimetri a sud di Crotone, di 3-4 centimetri lungo la costa di Catania, di 12 centimetri nelle coste greche. Nessun pericolo per le città. «Si tratta di variazioni di ampiezza analoga a quelle generate da una nave che lascia il porto», ha spiegato Mele.
 

A generare il terremoto e lo tsunami è stata la «rottura di una faglia lunga 15-20 chilometri a circa 10 chilometri di profondità, che si è poi propagata in superficie, sollevando il fondo marino e l’acqua sovrastante», ha detto ancora Mele. L’epicentro del sisma è stato localizzato nel mar Ionio, a circa 30 chilometri a Sud-Ovest dell’isola greca di Zacinto. La scossa è avvenuta alle 00:54, ora italiana. «Abbiamo subito lanciato un’allerta tsunami di livello “rosso”, il più alto, per le coste greche, e “arancione”, quello intermedio, per le coste italiane», ha spiegato Mele. Il terremoto si è originato in una zona sismica molto attiva, per la presenza di un sistema di faglie nella costa ionica greca: «la placca che occupa tutto il mar Ionio - ha aggiunto Mele - si è spostata rispetto a quelle che comprendono la penisola balcanica e la Grecia», e il fondo marino si è mosso per la rottura di faglia giunta in superficie. «Il mare ha risposto all’anomalia tornando all’equilibrio con un’onda di tsunami, che - ha concluso - in pochi minuti ha raggiunto le coste greche e in circa 45 minuti quelle italiane, in particolare pugliesi, calabresi e siciliane».

I maggiori danni sono stati registrati a Zante, in particolare nel maggior porto dell'isola, che comunque resta in funzione. Per diverse ore la fornitura di energia elettrica è stata interrotta. «Stiamo controllando tutti i villaggi dell'isola, dove ci sono numerosi vecchi edifici», ha detto il portavoce della protezione civile Spyros Georgiou, aggiungendo che la mancanza di elettricità rende le cose più difficili, ma i tecnici sono al lavoro e si spera che presto verrà ripristinata. In una delle vicine isole Strofadi sono stati segnalati pesanti danni all'antico monastero, di cui è crollata gran parte della torre. Parte di una chiesa è crollata anche nella città di Pyrgos, sulla costa.
 

Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 14:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Fermiamo i furti di cani». L’appello social dei padroni

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma