Vestiti da sceicchi per convincere gli investitori: truffa milionaria sventata dalla Guardia di Finanza

Lunedì 4 Maggio 2020

Si presentavano vestiti da sceicchi di qualche lontano Paese arabo e convincevano i malcapitati, in genere stranieri, a dare loro ingenti somme di denaro da investire e da custori all'estero( Cuba, India, Dubai, Russia, Cina e Hong Kong) dopo aver proposto loro di farle transitare in Italia attraverso canali non ufficiali. Peccato che in quel passaggio il denaro veniva cambiato in falso e poi si disperdeva fino a entrare nelle tasche dei truffatori. Una  vera stangata. 

Dopo due anni di indagini la guardia di Finanza di Busto Arsizio (Varese) ha  sgominato  la banda e ha sequestrato a quattro di loro - serbi che vivono in Lombardia e sono imparentati fra loro - beni per 2,4 milioni: ovvero 3 ville e 2 cascinali, 9 appartamenti, 2 terreni e 5 box, ma anche un dipinto e 2 orologi di pregio. Si tratta di un 48enne domiciliato a Busto Arsizio (Varese), di una 45enne domiciliata a Castellanza (Varese), di un 37enne di Melzo (Milano) e di un 33enne residente a Pieve Fissiraga (Lodi) che mostravano una sproporzione tra i beni posseduti (anche se intestati a incensurati prestanome) e i redditi dichiarati dal nucleo familiare. L'intero patrimonio sequestrato, dislocato tra i comuni di Busto Arsizio, Castellanza, Lonate Pozzolo, Monza, Corno Giovine (Lodi), Pieve Fissiraga (Pavia) e Champorcher (Aosta), è passato ora nella gestione degli amministratori giudiziari nominati dal Tribunale di Milano in attesa della definitiva confisca e, dunque, del passaggio all'Agenzia nazionale per l'amministrazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.

Coronavirus, Irene Pivetti indagata per una presunta frode sull'importazione mascherine dalla Cina

Truffa da 15 milioni di euro per 24 milioni di mascherine, il primo arresto per Covid

© RIPRODUZIONE RISERVATA