Treno finisce sulla piattaforma: feriti tre operai e due macchinisti

Venerdì 7 Dicembre 2018

Doveva essere un lavoro di routine, una manutenzione programmata della linea elettrica lungo i binari, ma qualcosa non ha funzionato a dovere. Era da poco passata la mezzanotte quando, sulla linea ferrovia compresa tra le stazioni di Statuto e Campo di Marte a Firenze, un treno merci in transito ha urtato in galleria una piattaforma mobile dove stavano lavorando tre operai, che sono stati scaraventati sulla massicciata da un'altezza di circa cinque metri, restando gravemente feriti. 
 

 

Le conseguenze più gravi sono quelle registrate per un 31enne fiorentino, residente a Reggello, che ha riportato varie lesioni tra cui un trauma del midollo spinale, per il quale oggi è stato sottoposto a un lungo intervento chirurgico. Gli altri due sono un 27enne di Volterra (Pisa), con numerose lesioni tra cui un trauma al torace, e un 26enne residente a Firenze, ricoverato con diverse fratture.

Tutti e tre, al momento, sono ricoverati in prognosi riservata. Feriti in modo lieve anche i due macchinisti del treno, investiti dai vetri di un finestrino del locomotore, andato in frantumi. Sul posto oltre al 118, i vigili del fuoco, la polfer, la polizia scientifica, i tecnici della Asl e poco dopo anche una quarantina di tecnici di Rfi e Trenitalia. La linea è rimasta bloccata per quasi 6 ore e solo a metà mattinata la circolazione dei treni (i ritardi hanno toccato i 60 minuti) è tornata regolare nel nodo Fiorentino.

Il pm Paolo Barlucchi ha aperto un fascicolo per lesioni colpose, al momento a carico di ignoti. Secondo una prima ricostruzione della polfer, il locomotore del treno merci, autorizzato al transito, avrebbe urtato un cestello sopraelevato rispetto alla piattaforma mobile, sul quale si trovavano i tre operai, dipendenti della ditta Cemes di Pisa. I tre sono stati sbalzati fuori e sono finiti a terra.

Gli accertamenti sull'esatta dinamica dell'incidente sono ancora in corso, ma tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti ci sarebbe quella che, per cause da accertare, il cestello fosse spostato lateralmente rispetto al binario, in una posizione tropo sporgente per permettere il passaggio del treno. Per fare chiarezza su quanto accaduto, sia il locomotore che la piattaforma sono stati sequestrati su disposizione del pm. Le verifiche condotte in queste ore dagli agenti della polfer dovranno anche stabilire eventuali violazioni delle norme di sicurezza sul lavoro, relativamente al rispetto di tutte le procedure di sicurezza da parte degli operatori che si trovavano sul cestello.
 

Ultimo aggiornamento: 19:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il pupo gioca a pallone il Natale costa 200 euro

di Mimmo Ferretti