Treno deragliato, gli operai si difendono: «Lo scambio era in posizione giusta»

Domenica 9 Febbraio 2020
3
Treno Frecciarossa deragliato, gli operai si difendono: «Scambio era in posizione giusta»

Si profila intensa la settimana entrante per gli inquirenti della Procura di Lodi che affideranno l'incarico ai consulenti per chiarire quanto accaduto giovedì mattina, quando è deragliato il Frecciarossa 9595 portando la morte per due macchinisti mentre altre 31 persone sono rimaste ferite. 

LEGGI ANCHE --> Frecciarossa deragliato, pm: «Attività operai non fu adeguata». Al via gli interrogatori

La nomina per affrontare accertamenti irripetibili ha comportato, per ora, l'avviso di garanzia per i cinque dipendenti di Rfi intervenuti, ognuno per la propria competenza, per lavori di manutenzione sullo scambio tra Ospedaletto Lodigiano e Livraga sul quale la carrozza numero uno è praticamente decollata, colpendo anche una struttura per la manutenzione. Ieri, interrogati dal pomeriggio per oltre 12 ore nella stazione della Polfer di Piacenza, i cinque hanno confermato la versione resa nell'immediatezza come testi. Non riescono a spiegarsi che cosa sia successo e nessuna scarica responsabilità sugli altri: «Abbiamo restituito lo scambio in ordine».
 


Ciò contrasta con le prime risultanze in possesso del procuratore di Lodi, Domenico Chiaro e del pm Giulia Aragno che contesta ai cinque di aver svolto, secondo l'avviso di garanzia, «l'attività in modo non adeguato»: così il convoglio è finito «su binari di servizio, non destinati al traffico ordinario, né in grado di sostenere l'Alta velocità». Le dichiarazioni degli indagati, assistiti dagli avvocati Armando D'Apote e Fabio Cagnola, messi a disposizione da Rfi, saranno poi confrontate con le analisi sul materiale sequestrato: tra le altre cose tre hard disk con filmati del deragliamento, tutte le carrozze del treno, così come la scatola del sistema informativo di condotta Dis e la corrispondenza telefonica del Posto Movimento di Livraga dal 10 marzo del 2014. Sotto sequestro anche i binari della linea Alta velocità e i binari di servizio vicini.

Attività queste, lo ha spiegato il procuratore Chiaro, «volte a accertare la funzionalità dello scambio e di tutti i dispositivi collegati». Non solo quindi sullo scambio ma anche sul sistema centrale di sicurezza. e in questo caso, se necessario, potrebbero subire la stessa sorte dei cinque tecnici anche livelli più alti di Rfi. Ieri è stata eseguita l'autopsia sui corpi dei due macchinisti morti, Giuseppe Cicciù, i cui funerali saranno celebrati martedì a Cologno Monzese, e Mario Dicuonzo, le cui esequie si terranno invece mercoledì a Pioltello, le due cittadine nel milanese in cui vivevano.​
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 10 Febbraio, 20:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma