MATTEO SALVINI

Tortellini senza maiale per San Petronio, è polemica. Federcuochi: «Non stravolgiamo le ricette tradizionali»

Martedì 1 Ottobre 2019
17
Tortellini senza maiale per la festa di San Petronio, è bufera. Centrodestra all'attacco

È polemica a Bologna su uno dei simboli della città: i tortellini. A scatenarla la scelta della Curia, in occasione della festa del patrono, di prepararne una variante - da affiancare a quelli tradizionali - con ripieno di pollo al posto del maiale per venire incontro a chi, anche per ragioni religiose, non avrebbe potuto gustarli. Per il centrodestra, da Matteo Salvini in giù, si tratta «di un'offesa alle nostre tradizioni». Secca - e con pochi precedenti - la replica della diocesi, guidata da Matteo Zuppi che sabato sarà ordinato cardinale a Roma: «Alcune polemiche e strumentalizzazioni non sono accettabili neanche in campagna elettorale». 

Salvini contro i tortellini "filo-immigrati"
Def, Salvini: «È una truffa, tradite tutte le promesse, miliardi di nuove tasse»

No di Federcuochi. “La Federcuochi è la principale custode delle tradizioni enogastronomiche del nostro Paese, non può ammettere che vengano modificate le ricette tradizionali che rappresentano la cultura e la storia di un territorio. L'integrazione è importante e noi sposiamo in pieno le iniziative volte a favorire tale processo ma ci sono innumerevoli altri modi e possibilità, senza arrivare a stravolgere un piatto simbolo conosciuto e apprezzato in tutto il mondo”. E’ questo il commento di Rocco Pozzulo, presidente della Federazione Italiana Cuochi, alla proposta di festeggiare il santo patrono di Bologna con il tortellino al ripieno di pollo invece che di maiale. Sul tema è intervenuto anche lo chef televisivo, Alessandro Circiello. “Il tortellino di Bologna risale ad una pergamena del 1110 da una bolla di Papa Alessandro. Viene realizzato con una piccola parte di Mortadella Bologna IGP per tradizione, storia, cultura di quell’epoca. Farli con il pollo – sottolinea lo chef - è come fare un’altra ricetta. Ho cucinato per diverse personalità di tutto il mondo, da Rania di Giordania a Putin, allo sceicco Adel Abuljadayel, ma nessuno mi ha mai chiesto di stravolgere la cucina regionale Italiana che tutto il mondo ci invidia”.

 


Bologna festeggia. Venerdì è in programma la tradizionale festa di San Petronio, patrono della città. E come ogni anno, la Curia ha coinvolto le sfogline per sfornare decine di chili di tortellini da distribuire ai fedeli. Tra questi, anche alcuni con ripieno di pollo al posto del maiale, per venire incontro sia a chi è di religione differente, come gli islamici e gli ebrei, sia a chi preferisce un pasto più leggero, come gli anziani. Non una novità, se non che quest'anno il piatto è stato definito «il tortellino dell'accoglienza», tema leit-motiv di tutte le celebrazioni. 

LEGGI ANCHE Salvini bacia un ex comunista passato alla Lega. Poi scopre che è interista...
LEGGI ANCHE Moschee, linea dura di Salvini: «Controlli a tappeto». Circolare ai prefetti, allerta in 6 regioni

La reazione del centrodestra è stata veemente. Matteo Salvini, in diretta Facebook, si è scagliato contro chi «chiede tortellini senza carne, come proporre il vino senza uva. Aveva ragione Oriana Fallaci - ha proseguito il leader della Lega -: il problema sono alcuni italiani che dimenticano le loro radici, negano la nostra storia, dal tortellino al crocifisso». A ruota si sono accodati anche i due candidati del centrodestra alle prossime Regionali, la leghista Lucia Borgonzoni e il deputato di Fdi, Galeazzo Bignami, trasformando il caso in una polemica tutta politica. Il sindaco Virginio Merola ha risposto a Salvini, ricordando che «la tradizione di Bologna è di innovare e accogliere» e schierandosi al fianco della Curia: «Ogni tanto lo dico a Zuppi di lasciarmi qualcosa di laico, perché rischia la scomunica di quello che pensa di essere il vero cristiano e, col rosario in mano, vuole fare annegare la gente in mare». sulle grandi identità».

LEGGI ANCHE Salvini: «Nel 2029 il Capo dello stato sarà eletto dai cittadini»

Sulla stessa linea anche Romano Prodi: «Le nostre sono tradizioni di libertà, ma se Salvini dice che con la libertà si offendono le tradizioni...». Quindi è arrivata la presa di posizione della Curia: «Alcune polemiche e strumentalizzazioni non sono accettabili neanche in campagna elettorale. È sorprendente che una fake news sia utilizzata per confondere» e «una normale regola di accoglienza e di riguardo verso gli invitati sia interpretata come offesa alla tradizione». Inoltre, si precisa che «la preoccupazione è che tutti possano partecipare alla festa, anche chi ha problemi o altre abitudini alimentari o motivi religiosi». Domenica, tra l'altro, proprio a Bologna è in programma il Festival del Tortellino, con 23 chef che proporranno altrettante varianti del piatto: dal ripieno di pesce alla versione all'amatriciana.

Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre, 11:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi