COVID

Torre Annunziata, focolaio Covid: 116 contagiati in 48 ore e 600 in città, il sindaco ripristina il lockdown

Sabato 30 Gennaio 2021
Torre Annunziata, focolaio Covid: 116 contagiati in 48 ore e 600 in città, il sindaco ripristina il lockdown

A Torre Annunziata sale l'allarme per un focolaio di Covid. Il sindaco della città a sud di Napoli, 42 amila abitanti, Vincenzo Ascione ha chiuso dal 1° all'8 febbraio scuole, ristoranti e altre attività, Stando a quanto comunicato dallo stesso primo cittadino in una nota, nelle ultime 48 ore sono stati registrati 116 nuovi casi di contagio, a fronte di 41 accertate guarigioni. Sale dunque 601 il numero di cittadini attualmente positivi, sei dei quali ricoverati.

 

A seguito  «dell'aumento esponenziale - si legge in una nota diramata dall'ufficio stampa del primo cittadino - dei contagi da Coronavirus sul territorio» a seguito dei quali lo stesso Ascione «ha sollecitato un intervento dell'unità di crisi regionale per l'emergenza Covid-19».

Dopo un consulto avuto anche con i dirigenti scolastici degli istituti di ogni ordine e grado, con l'Asl Napoli 3 Sud e la stessa unità di crisi, il primo cittadino attraverso questa ordinanza ha stabilito «dal primo all'8 febbraio la sospensione dell'attività didattica in presenza di tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, pubblici e privati, presenti sul territorio di Torre Annunziata e dei servizi educativi della scuola dell'infanzia (sistema integrato di educazione ed istruzione 0-6 anni)».

Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l'uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l'effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali: «Garantendo comunque - si legge ancora nell'ordinanza- il collegamento online con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA