Torino, scontri dopo lo sgombero del centro sociale: arresti nei gruppi anarchici

Venerdì 20 Settembre 2019
2

Vasta operazione per gli episodi di violenza verificatisi lo scorso 9 febbraio, in occasione della manifestazione organizzata dai gruppi anarchici a seguito dell'operazione «Scintilla» che ha condotto allo sgombero e al sequestro dello storico centro sociale Asilo. Le indagini della Digos di Torino, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, hanno visto la collaborazione delle Questure di Milano, Ravenna, Sassari, Trento e Cuneo.

G7, 17 arresti per gli scontri nei centri sociali da Torino a Modena

Sono state adottate numerose misure cautelari nei confronti di militanti anarchici, provenienti secondo quanto dichiarato dagli inquirenti, dal Piemonte, dalla Lombardia e dalla Sardegna, indagati per i reati di lesioni aggravate, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e imbrattamento. Inoltre, sono state eseguite con il coordinamento della direzione centrale della Polizia di prevenzione, diverse perquisizioni delegate dall'Autorità giudiziaria di Torino.

È sassarese la persona indagata nell'ambito dell'inchiesta. Secondo quanto si è appreso, l'uomo è destinatario di un provvedimento di obbligo di dimora nella provincia del nord Sardegna: della notifica si sta occupando la Polizia. Alla manifestazione, organizzata in seguito allo sgombero dello storico centro sociale 'Asilò, parteciparono militanti anarchici proveniente da tutta Italia.
 

Ultimo aggiornamento: 11:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma