Torino, crolla una palazzina di due piani: muore un bimbo di 4 anni, altre tre persone estratte vive dalle macerie

Torino, crolla una palazzina di due piani: muore un bimbo di 4 anni, altre tre persone estratte vive dalle macerie
4 Minuti di Lettura
Martedì 24 Agosto 2021, 10:12 - Ultimo aggiornamento: 23:30

Un boato, alle 9 di mattina, alla periferia nord di Torino, vicino a uno dei fiumi della città, la Stura di Lanzo. Una deflagrazione, probabilmente causata dalla fuga di gas da una bombola a gpl, e poi il crollo di una palazzina, sventrata. Sotto le macerie sono rimaste quattro persone, tre adulti e un bambino di 4 anni. Per il piccolo, Aron, di origini albanesi, non c'è stato nulla da fare, anche se i soccorsi sono stati tempestivi. Quando è stato estratto da cumuli di mattoni e travi distrutte il suo cuore aveva già cessato di battere, inutili tutti i tentati di rianimarlo. La mamma, 34 anni, è stata portata in ospedale, al Cto. Le sue ferite non sono gravi ma non avrà più il suo bambino. Il padre e marito, invece, non era in casa al momento dello scoppio. Ricoverati anche due uomini, il più grave, un romeno di 22 anni, ha ustioni di secondo e terzo grado sul 50% del corpo. Al Cto anche un altro giovane, con traumi al cranio e al bacino. Entrambi sono in prognosi riservata.

Cina, crolla una miniera: un morto e 19 minatori intrappolati. Operazioni di salvataggio in corso

Crollo palazzina, le indagini

Le indagini dovranno ora appurare le cause dello scoppio nella palazzina, decorosa e di costruzione abbastanza recente, in un'area, in strada Bramafame, dove depositi e aziende artigianali si alternano alle abitazioni, molte delle quali però non sarebbero ancora allacciate alla rete di gas metano. In una di queste, separata da un cortile da un'altra casa, che ora ha qualche tegola divelta dal tetto dallo spostamento d'aria, è stato l'inferno. «Ho sentito una bomba - racconta un giovane operaio straniero, che si è dato da fare come primo soccorritore - stavo lavorando vicino a quella casa e sono corso subito per dare aiuto. Ho tolto qualche mattone, c'era un uomo tutto bruciato».

 

Il bimbo trovato morto dopo due ore di ricerche

Lo scoppio e il successivo crollo hanno risparmiato solo una parte della casa, a due piani. Sul posto, sono arrivati in forze, i vigili del fuoco, la protezione civile, carabinieri, polizia di Stato e polizia municipale. L'area è stata transennata, l'accesso impedito a tutti, abitanti compresi.. Sono partite subito le operazioni di ricerca da parte delle squadre di specialisti Usar (Urban Search and Rescue) dei Vigili del fuoco, i feriti sono stati portati via, l'ultimo con un elicottero del 118. L'ultimo disperso è rimasto il bambino, trovato senza vita dopo oltre due ore di lavoro dei soccorritori. «Conosco la famiglia di quel povero bambino - dice una vicina, Saverina Massa - una bella famiglia. È una tragedia terribile. E stato uno scoppio tremendo, pensavo di morire anch'io, poi ho guardato verso il soffitto e ho capito che la mia casa era stata risparmiata». Fino a qualche anno fa - racconta a testimone - «in quella casa abitava un signore che vendeva bombole del gas. Ma adesso è andato via». Di contenitori di gpl ne restano ancora, in uno spiazzo vicino, per fortuna non sono stati coinvolti nello scoppio. Sul luogo della tragedia è arrivata anche la sindaca di Torino, Chiara Appendino, per portare la solidarietà sua e della città. PIù tardi è giunta anche Ioana Gheorghias, console generale di Romania a Torino. «Che terribile notizia, la morte di quel bambino - le sue parole - ringrazio tutti i soccorritori per la rapidità della loro azione e per la professionalità del lavoro. Ora ci occuperemo di assistere i nostri connazionali coinvolti, i feriti e quelli che hanno perso tutto nello scoppio».

Video

Sul tragico scoppio sono intervenuti anche i principali candidati sindaco di Torino. «Un dolore immenso per il piccolo Aron - le parole di Stefano Lo Russo (centrosinistra) - Grazie ai soccorritori, sempre pronti a mettere a rischio la propria vita per gli altri». Paolo Damilano (centrodestra) mette l'accento sulla questione sociale: « Quando diciamo che la città non deve lasciare indietro nessuno parliamo anche di queste situazioni. Troppe persone vivono ancora in condizioni estreme». Cordoglio da Valentina Sganga, candidata sindaca M5s, «per il piccolo Aron, strappato alla vita e all'amore dei suoi cari. Siamo vicini alle famiglie dei feriti e grati ai vigili del fuoco e a chi ha prestato soccorso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA