Terrorismo, la rivista clandestina e gli arresti degli anarchici. «Colpire le persone o le cose?». Blitz da Perugia a Cosenza

Blitz dei Ros, sei indagati

Terrorismo, la rivista clandestina e gli arresti degli anarchici. «Colpire le persone o le cose?»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Novembre 2021, 10:46 - Ultimo aggiornamento: 10:52

Blitz anti-terrorismo. «Contro lo Stato e senza eccezioni: colpire le persone o colpire le cose?». È questo un passaggio di uno scritto pubblicato sulla rivista clandestina anarco-insurrezionalista Vetriolo, il cui primo numero venne pubblicato a Milano nel 2017. Il dettaglio emerge dalle indagini che hanno portato oggi ad una misura cautelare nei confronti di 6 persone emessa dal gip di Perugia. Inchiesta nata nel capoluogo lombardo e coordinata anche dal capo del pool antiterrorismo milanese Alberto Nobili e dal pm Piero Basilone e condotta dal Ros dei carabinieri. Dagli accertamenti risulta che gli anarchici inneggiavano al compimento di attentati.

Attentato alla sede della Lega a Treviso, indagati due anarchici umbri Ecco cosa dicevano i loro manuali per costruire bombe

Roma, cellula anarchica con base centro sociale responsabile di attentati: sette arresti. Azioni anche contro il car-sharing

Sono due le perquisizioni effettuate nel Cosentino dai carabinieri del comando provinciale nell'ambito dell'operazione antiterrorismo del Ros che ha riguardato un presunto gruppo di anarchico-insurrezionalisti che fa riferimento al Fai. I reati ipotizzati per le sei persone indagate a Perugia sono istigazione a delinquere anche aggravata dalle finalità di terrorismo e di eversione dell'ordine democratico. Da quanto si è potuto apprendere, tenuto conto che sulla vicenda vige uno strettissimo riserbo da parte dei militari, i controlli in provincia di Cosenza hanno riguardato un uomo e una donna le cui abitazioni sono state setacciate dagli uomini dell'Arma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA