ROMA

Terremoto, allarme Ingv: confine tra Lazio e Abruzzo area ad alta pericolosità sismica

Giovedì 7 Novembre 2019
Terremoto, l'allarme dell'Ingv: «Confine tra Lazio Abruzzo area ad alta pericolosità sismica»

Successivamente alla scossa di terremoto registrata poco dopo le 18.35 e avvertita nettamente anche a Roma, l'Ingv - L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - lancia l'allarme. Secondo i ricercatori, sarebbe una sequenza sismica diversa da quella dell'Italia centrale ad avere attivato il terremoto avvenuto al confine tra Abruzzo e Lazio, alla profondità di 14 chilometri, e la cui magnitudo è stata ricalcolata in 4,4. «Si tratta di un altro sistema di faglie», ha detto all'ANSA il sismologo Alessandro Amato, dell'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia ( Ingv). «Si tratta comunque - ha proseguito - di un'area ad alta pericolosità sismica».

Leggi anche Terremoto, paura a Roma: decine le chiamate ai numeri di emergenza

Leggi anche Forte scossa di terremoto in Ciociaria: magnitudo 4.4, paura e gente in strada


In questa stessa area è infatti avvenuto il terremoto di Avezzano del 1915 e altri due importanti terremoti storici sono avvenuti nel frusinate nel 1654 e più a Sud, verso il Molise, nel 1349. «Nelle ultime ore - ha detto ancora il sismologo - si era registrata nella zona della sismicità, con alcune piccole scosse e adesso stiamo vedendo piccole repliche».

 

Ultimo aggiornamento: 19:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma