Terni, ventenne stuprata durante la festa nel parco: è caccia all'uomo

Lunedì 1 Luglio 2019 di Corso Viola di Campalto
3
Ha detto di essere stata aggredita e violentata nel parco del Chico Mendes durante una festa che sabato notte ha raccolto più di duemila giovani. Stuprata da un uomo che si è dato subito alla fuga, mentre la ragazza ternana, venti anni, sotto choc e dolorante, ha chiesto aiuto ed è stata soccorsa da un'amica che l'ha portata subito al Pronto Soccorso del Santa Maria dove è stata medicata e dove sarebbero state riscontrate le violenze appena subite. Poi è stata ascoltata per più di due ore da carabinieri. Solo ieri in tarda mattinata, è stata dimessa. Ma ora è a caccia all'uomo del quale gli inquirenti hanno solo un nome (forse fittizio) e una meticolosa descrizione.

Ma andiamo con ordine. La giovane ha raccontato di essere andata sabato notte alla discoteca all'aperto Chico Mendes per partecipare ad uno degli ultimi eventi che coinvolgono i giovani ternani. Frequentato anche da persone provenienti dalle città vicine. Con lei alcune amiche con le quali è stata per la prima parte della serata. Mentre ballava ha detto di aver conosciuto un giovane, visto per la prima volta con il quale è andato a bere qualcosa al bar. Poi, la decisione di fare una passeggiata lontano dalla folla per conoscersi meglio. Questo è accaduto intorno alle due e mezzo quando il locale era stracolmo di gente. Poi, lui ha iniziato con le prime avances. Lei ha subito cercato di resistere ma il ragazzo è diventato sempre più insistente, fino a quando non l'avrebbe scaraventata a terra per trattenerla per poi stuprarla. Un' aggressione violenta, durata qualche minuto. Poi, il giovane si è alzato, ricomposto e, dopo le grida di lei, offuscate dalla musica a tutto volume provenienti dalla discoteca, si è allontanato mimetizzandosi tra la folla. La ragazza si è trascinata fino a quando non ha trovato qualcuno che l'ha soccorsa e ha chiamato le sue amiche, che hanno decisa di portarla subito al Santa Maria.

LEGGI ANCHE....> Ragazza di 21 anni stuprata dal branco all'uscita dalla discoteca

E' stata subito presa in carico dai medici del reparto e curata in un ambiente protetto. Poi è stata sottoposta agli accertamenti del caso che hanno confermato la violenza. Sarebbero state prelevate alcune tracce biologiche per risalire allo stupratore. Nel frattempo sono arrivati i carabinieri che l'hanno ascoltata, usando il maggior tatto possibile, per quasi due ore. Hanno ricostruito tutte le fasi del loro incontro fino all'aggressione. Soprattutto, è stato fatto un identikit del giovane che potrebbe non essere italiano. Hanno cercato di carpire il maggiore numero di informazioni per riuscire a risalire all'identità del giovane e già ieri mattina a sono state ascoltate alcune persone che potrebbero conoscerlo. Poi, è partita la caccia all'uomo, discreta, per le vie della città e già questa mattina ci potrebbero esserci i primi importanti risultati. La ragazza nel frattempo, dopo le cure, ha deciso di tornare a casa insieme alla madre e alle amiche che non l'hanno mai abbandonata.
Ultimo aggiornamento: 12:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma