Stupro circumvesuviana, la sorella del vittima: «Non era consenziente, vogliamo giustizia»

Martedì 12 Marzo 2019

«“Siamo certi che mia sorella abbia subito una violenza e che non era in nessun modo consenziente. È impossibile che abbia acconsentito ad avere un rapporto così come è stato descritto». A Storie Italiane di Eleonora Daniele su Rai1 parla la sorella della 24enne che la scorsa settimana avrebbe subito una violenza di gruppo all’interno dell’ascensore della stazione Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli. La ragazza, che per tutelare la sorella non ha rivelato la propria identità, ha raccontato: «Assurdo che ancora oggi delle ragazze possano subire delle violenze in luoghi pubblici, in orari di punta e in presenza di tante persone". Sulle condizioni della sorella ha poi spiegato che "è molto provata e di conseguenza lo siamo anche io e tutta la mia famiglia. Siamo uniti in questa enorme sofferenza e lottiamo per ottenere giustizia".

Violentata in Circumvesuviana, i tre amici negano gli abusi: «Lei era consenziente»

I tre giovani fermati hanno sostenuto che si sia trattato di rapporti sessuali consenzienti e non di abusi estorti con la violenza. Il gip Valeria Montesarchio ha comunque convalidato i provvedimenti di fermo per violenza sessuale di gruppo emessi nei confronti dei tre.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma