Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Studente punta la pistola (finta) alla tempia del prof: «Mi mette troppe note». Sui social la scena filmata dai compagni

Il quindicenne di un istituto tecnico del Fiorentino è indagato per minacce

Studente punta la pistola (finta) alla tempia del prof: «Mi mette troppe note». Sui social la scena filmata dai compagni
di Valentina Errante
4 Minuti di Lettura
Domenica 3 Aprile 2022, 07:15 - Ultimo aggiornamento: 17:22

«Prof, dobbiamo regolare una questione: mi ha messo troppe note e sta sbagliando, così non va». I compagni di classe lo riprendono con gli smartphone mentre si alza e si avvicina alla cattedra. E quando arriva davanti al professore di matematica tira fuori la pistola da dietro la schiena, gliela punta alla tempia e lo sfida. I compagni ridono, il docente resta immobile. Lui ha 15 anni, è di origine straniera e frequenta un istituto tecnico del Fiorentino, la pistola era solo un giocattolo, anche se non aveva il tappo rosso. Ma adesso il minorenne è indagato, sebbene continui a ripetere che quello era solo uno scherzo, come riporta il Corriere fiorentino.

Preside Liceo Montale Roma, l'avvocato: «È stata lapidata». Il suo vice rimosso dalle cariche


LA SEGNALAZIONE


Il professore non ha sporto denuncia, ma la scuola ha segnalato l'episodio all'autorità giudiziaria. E la Procura per i minori ha ipotizzato nei confronti del ragazzino i reati di minacce aggravate dall'aver agito per motivi di bullismo ai danni di un incaricato di pubblico servizio e l'interruzione di pubblico servizio, ossia la lezione. Per due volte la polizia si è presentata in casa dello studente: la prima alla ricerca di armi, che non sono state trovate, la seconda per sequestrargli il telefonino e verificare se ci siano altri video dello stesso tenore. «Era solo uno scherzo», continua a ripetere il ragazzo.


L'INCHIESTA

Adesso, le indagini, coordinate dal procuratore capo dei Minori Antonio Sangermano, partiranno dal video, postato anche nella chat della scuola da alcuni compagni, e dal telefonino. La procura intende ricostruire la vicenda e accertare quali provvedimenti disciplinari nei confronti del minorenne abbia adottato la scuola, anche in passato. Le verifiche puntano a chiarire anche se lo studente avesse spesso questi atteggiamenti e se, come risulterebbe da alcune testimonianze, abbia avuto un contegno minaccioso anche nei confronti di altri docenti. Sembra che ci siano dei precedenti, anche se più lievi: avrebbe interrotto e offeso altri insegnanti, sempre donne. E scenderanno in campo anche gli assistenti sociali per le verifiche sul contesto familiare nel quale vive il quindicenne, che secondo il racconto di alcuni ragazzi, nell'ultimo periodo, se ne andava in giro con fare da boss per i corridoi della scuola, con la pistola infilata nella cintura dei pantaloni sulla schiena.
«È una situazione molto delicata ed è stata segnalata subito alla Procura per i minori dice il dirigente dell'istituto tecnico al Corriere fiorentino già in passato, il consiglio di classe aveva adottato una serie di provvedimenti disciplinari nei confronti dello studente. La scuola svolge una funzione educativa e anche in questa situazione, si è mossa immediatamente. Ora attendiamo l'esito delle indagini della magistratura».


IL PRECEDENTE

Era già accaduto a Pontedera, nel Pisano nel 2018. In quell'occasione, un diciassettenne, studente di un istituto superiore, aveva reagito a un energico richiamo del docente avvicinandosi alla cattedra, puntandogli un'arma, anche quella giocattolo, e intimandogli di alzare le mani e abbassare la testa. Salvo poi rivelare che la pistola non era in grado di aprire il fuoco. Il ragazzo era stato sospeso, aveva perso l'anno scolastico ed era finito sotto accusa per violenza privata e oltraggio all'insegnante nell'esercizio delle sue funzioni. Ma poi, in udienza preliminare, anche il pubblico ministero, all'esito della discussione davanti il gup, aveva chiesto il non luogo a procedere aprendo le porte alla possibilità del perdono giudiziale, all'ex studente intanto diventato maggiorenne. A salvarlo l'atteggiamento assunto nei due anni trascorsi da quell'episodio: non ha più commesso alcun reato, ha mantenuto una condotta corretta e rispettosa, manifestando quindi di aver compiuto un percorso durante il quale, per il Tribunale, ha preso la piena consapevolezza dell'errore commesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA