Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Spostamenti fra regioni, visite (in 4) agli amici, seconde case e green pass: le nuove regole

Spostamenti fra Regioni, visite agli amici, seconde case e green pass: come si viaggia in Italia
di Mauro Evangelisti
4 Minuti di Lettura
Sabato 24 Aprile 2021, 22:29 - Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 20:23

Nelle regioni gialle, praticamente tutto il Centro-nord eccetto la Valle d’Aosta, c’è un taglio drastico delle autocertificazioni necessarie per gli spostamenti. Da domani si viaggerà liberamente anche se bisognerà tenere conto del coprifuoco alle 22. Discorso differente se la destinazione o il luogo di partenza è in una delle cinque regioni ancora arancioni, vale a dire Puglia, Calabria, Sicilia, Basilicata e Valle d’Aosta (o in Sardegna, unica zona ancora rossa). Gli spostamenti sono consentiti solo presentando il “certificato verde”, che si ottiene se si è vaccinati (sono 5 milioni gli italiani che hanno ricevuto prima e seconda dose), si è guariti dal Covid o si è eseguito un tampone nelle ultime 48 ore con esito negativo. All’interno delle Regioni gialle, inoltre, è possibile anche in quattro persone andare a trovare amici e parenti in un’altra casa.

Covid, l'Italia riapre lunedì, ma a Roma, Napoli e Milano la folla già invade i centri storici. Chiusa via del Corso

POSSO ANDAR A TROVARE AMICI E PARENTI?
Partiamo proprio dalle nuove regole che consentono di raggiungere un’abitazione differente dalla propria. Si legge nelle Domande e risposte (le Faq) del sito del Governo: «Dal 26 aprile al 15 giugno 2021, nella zona gialla, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata una volta al giorno, dalle 5 alle 22, a quattro persone oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. Le persone che si spostano potranno portare con sé i minorenni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi». Nelle Regioni in arancione vale la stessa regola, ma tutto deve avvenire all’interno del proprio comune di residenza.

QUALI REGOLE VALGONO PER LE SECONDE CASE?
Si possono raggiungere le seconde case in regioni gialle e arancioni, si possono portare familiari o amici ma non più di 4. Discorso differente per le seconde case in regioni in zona rossa (di fatto solo la Sardegna): possono essere raggiunte ma solo da un nucleo familiare.

Zona gialla, regole per bar e ristoranti: tavolino sì, bancone no, l'aperitivo da lunedì si beve così

COME POSSO VIAGGIARE DA UNA REGIONE ALL’ALTRA?
Bene, ma davvero finalmente da Milano posso andare a Roma, da Viterbo a Rovigo, da Torino a Senigallia anche senza motivi legati al lavoro o alla salute? Sì. Spiegano le Domande e risposte del Governo: «Dal 26 aprile 2021 sono consentiti gli spostamenti tra le Regioni diverse nelle zone bianca e gialla». Va ricordato che attualmente nessuna Regione italiana è in fascia bianca, vale a dire con il livello più basso di limitazioni (lo è stata in passato la Sardegna che però ora è rossa).

COME FUNZIONA IL PASS VERDE?
E se il mio viaggio interessa una Regione rossa o arancione? Qui entra in gioco il “green pass” o, più semplicemente, il “certificato verde”. Si legge sul sito del Governo: «Il decreto prevede l’introduzione, sul territorio nazionale, delle cosiddette “certificazioni verdi Covid-19”, comprovanti lo stato di avvenuta vaccinazione contro il Sars-CoV-2 o la guarigione dall’infezione o l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo. Le certificazioni di vaccinazione e quelle di avvenuta guarigione avranno una validità di sei mesi, quella relativa al test risultato negativo sarà valida per 48 ore. Le certificazioni rilasciate negli Stati membri dell’Unione europea sono riconosciute come equivalenti, così come quelle rilasciate in uno Stato terzo a seguito di una vaccinazione riconosciuta nell’Unione europea». Chiaro, dunque: o vaccinazione completata, o malattia superata, o tampone (molecolare o antigenico) eseguito nelle ultime 48 ore. Resta valido fino al 31 luglio (ma a metà maggio ci sarà una verifica) il coprifuoco alle 22. Insomma, l’autocertificazione non è ancora sparita del tutto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA