Spacciavano eroina e coca ai ragazzini: i pusher erano tutti richiedenti asilo

Mercoledì 13 Marzo 2019
6
Spacciavano ai ragazzini di Pordenone. La Polizia di Stato sta eseguendo arresti e perquisizioni, nei confronti di presunti componenti, tutti giovani richiedenti asilo, di un pericoloso gruppo criminale accusato di essere dedito allo spaccio di eroina, cocaina ed hashish nel centro di Pordenone e nei pressi dei parchi cittadini. Sono tre i provvedimenti restrittivi in carcere, disposti dall'autorità giudiziaria pordenonese, nei confronti di due cittadini pakistani e un bengalese. Altri due provvedimenti cautelari riguardano un nigeriano e una ragazza italiana. La polizia ha accertato varie centinaia di episodi di spaccio di giorno e nelle piazze cittadine: la droga veniva ceduta anche a giovanissimi assuntori.

Gli indagati, alcuni gravati da precedenti specifici, tutti disoccupati, avevano secondo le indagini due canali di rifornimento di eroina e cocaina «fidelizzati», che sono stati localizzati a Milano e Mestre. Secondo quanto è stato accertato dagli investigatori, sarebbero di decine di migliaia di euro gli introiti che il gruppo criminale si assicurava dallo spaccio della droga. Le indagini, coordinate dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, sono state svolte dalla Squadra Mobile della Questura di Pordenone che sta eseguendo le operazioni con l'ausilio di equipaggi Reparto Prevenzione Crimine di Padova, unità cinofile della Polizia di Stato e l'elicottero del X Reparto Volo di Venezia.
Ultimo aggiornamento: 12:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

E i topi brindano ai 100 giorni senza assessore all’ambiente

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma