Sms amorosi all'allieva di 13 anni: assolto un professore ​40enne

Martedì 16 Aprile 2019
1
​​Sms amorosi all'allieva di 13 anni: assolto un professore

Decisione che farà discutere, quella presa dalla CassazioneÈ stata confermata, infatti, l'assoluzione ottenuta in appello nel 2017 da un professore quarantenne condannato in primo grado per tentati atti sessuali con minorenne per aver inviato «messaggi amorosi» ad una sua allieva di 13 anni, per essersi appostato sotto casa della minore, per averla abbracciata in una occasione nella biblioteca ed essere stato «interrotto» dal «tempestivo intervento» dei genitori della ragazzina. Ad avviso del Sostituto procuratore generale della Suprema Corte, Giovanni Di Leo, doveva invece essere ripristinata la condanna pronunciata in primo grado dal Gup di Pescara nel 2016. Di diverso parere sono però stati i magistrati della Terza sezione penale della Suprema Corte che ha respinto il ricorso di padre e madre dell'adolescente contro il proscioglimento del prof. Per la Cassazione, dunque, non è «manifestamente illogica o contraddittoria» la sentenza assolutoria che ha concluso come «la condotta complessivamente tenuta dall'imputato nel periodo dal dicembre 2014 al 15 gennaio 2015 non avesse evidenziato, in modo inequivoco, l'intenzione dell'appagamento degli istinti sessuali nè la lesione del corretto sviluppo della sfera sessuale, compreso il profilo della libertà di autodeterminazione della ragazzina».

Innamorato pazzo a 70 anni minaccia la ex: «Stai attenta, ho una pistola»

«Ciò perche le premesse e l'evoluzione del rapporto tra i due - scrivono gli 'ermellinì - non necessariamente portava a ritenere che sarebbe seguito un appagamento sessuale dell'imputato». Aggiunge la Suprema Corte che «tuttavia» la Corte di Appello dell'Aquila «non ha mancato di stigmatizzare la condotta del docente come incongrua, infantile, connotata da un assoluto analfabetismo culturale, in quanto indirizzata verso una allieva di 13 anni con cui aveva negligentemente instaurato una relazione privilegiata, del tutto inappropriata al contesto, senza tener conto delle inevitabili complicazioni psicologiche che avrebbero potuto derivarle». Senza esito - se non quello di essere condannati a pagare le spese processuali - i genitori hanno fatto presente che «dal tenore dei messaggi inviati e dalle altre condotte del docente, l'appostamento sotto casa e l'abbraccio in biblioteca, era certo il tentativo di atti sessuali con la minore» anche perché «le profferte amorose erano chiare e finalizzate al contatto fisico». Hanno inoltre criticato la «svalutazione giuridica del fatto» dipinto dai giudici aquilani come «'una vicenda a colori pastello, innocente ed adolescenziale, frutto della mera immaturità del professorè», ricordando che i pedofili usano «proprio condotte seduttive, apparentemente ingenue e giocose, ma pericolosamente circuenti». Hanno infine ricordato che la perizia psichiatrica aveva evidenziato «il turbamento» della minore per il «segreto legame con il suo insegnante» alimentato «dalle confidenze che questi le faceva» e che «l'abbraccio aveva rappresentato una netta invasione dello spazio corporeo e psichico» della ragazzina.

Ultimo aggiornamento: 17:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma