Caserta, vende lo smartphone all'amico, ma non funziona: massacrato e ucciso con una pietra

Venerdì 27 Dicembre 2019
Vende lo smartphone all'amico, ma non funziona: massacrato e ucciso con una pietra

Vende lo smartphone all'amico, ma non funziona: massacrato e ucciso con una pietra. È stato arrestato dai carabinieri di Mondragone (Caserta) il presunto uccisore di un 30enne della Liberia, a Castel Volturno (Caserta). Si tratta di un immigrato di 22 anni originario della Guinea. La vittima è stata ritrovata morta questa mattina per strada, in via Mochi a Castel Volturno, con gravi ferite alla testa.

Spacciava droga e si vantava dei guadagni su Instagram, minore nei guai

Tra i due, secondo la ricostruzione dei militari sarebbe scoppiata una lite per un cellulare che il 22enne avrebbe venduto alla vittima, e che secondo quest'ultima non funzionava. Il liberiano si sarebbe recato a casa del venditore per restituire il cellulare, ma sarebbe stato colpito alla testa con una pietra.

Ultimo aggiornamento: 22:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma