Silvia Romano, la sua disperazione nei video: «Vi imploro, liberatemi». L'Ong non aveva attivato l'assicurazione

Silvia Romano, la sua disperazione nei video: «Vi imploro, liberatemi». L'Ong non aveva attivato l'assicurazione
3 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Maggio 2020, 10:15 - Ultimo aggiornamento: 11:37

Voleva tornare libera, Silvia Romano. Sognava ogni giorno di ritrovare la sua famiglia. E lo ripeteva in quei tre video-appello che sono stati inviati agli 007 dell’Aise, il nostro servizio segreto esterno, nei quali diceva: «Vi imploro, liberatemi». 

Servizi segreti, all'Aise Caravelli subentra a Carta, scontro sul nome di Mancini come vice
Silvia Romano, cocci di vetro contro le sue finestre a Milano

Nei 18 mesi di prigionia, chiusa da sola in una stanza, sentiva le voci all’esterno e annotava tutti i particolari in un quaderno che aveva chiesto ai carcerieri. Quello stesso diario che, al momento della liberazione, le hanno vietato di portare con sé. Un elemento importante per la ricostruzione del rapimento e di tutte le fasi che ne sono seguite.

Tanto che, durante l’interrogatorio che la giovane cooperante ha avuto con il pm Sergio Colaiocco e con il colonnello del Ros, Marco Rosi, si è molto insistito sul contenuto. 
Dove si trovava? Che rumori sentiva? Aveva vicino una moschea? È vero che i servizi di intelligence avevano ben chiara la zona dove la ragazza era tenuta prigioniera, ma la scelta di segregarla in una casa è stata presa proprio per rendere più difficile l’individuazione precisa del luogo.

E ora, gli inquirenti stanno cercando di mettere insieme tutti gli elementi che possano aiutare a individuare i componenti di al Shabaab che hanno gestito la sua prigionia: dai tabulati telefonici recuperati dal Ros durante una missione in Kenya, alle indicazioni fornite dalla giovane cooperante sui luoghi e i percorsi seguiti. Al centro delle indagini anche i contatti tra il commando e i somali, avvenuti prima del rapimento. Un lavoro che punta a individuare chi ha tradito Silvia.

Silvia Romano, bottiglie di vetro contro la sua casa a Milano: blitz della Scientifica

I VIDEO
I video sono stati tutti registrati con il telefonino del carceriere che parlava inglese. «Mi diceva cosa dovevo dire, premettendo sempre nome, cognome e data - è ancora il ricordo della cooperante - Non lo ho mai visto in faccia, anche se ormai avevo imparato a riconoscere le loro voci. Erano sei e si davano il cambio, in gruppi di tre». E proprio da quello stesso telefonino sono stati inviati i messaggi per la trattativa. Indicazioni sulle quali è puntata l’attenzione degli investigatori, perché potrebbe fornire elementi utili all’individuazione dei rapitori.

 

 


Gli inquirenti stanno confrontando le dichiarazioni di Silvia con i documenti in loro possesso. Tra questi un serie di tabulati telefonici che potrebbero fornire risposte sui mandanti e gli organizzatori del sequestro. Si tratta di atti acquisiti dal Ros nell’estate del 2019 nel corso di una missione effettuata in Kenya nell’ambito dell’accordo di collaborazione tra i due paesi culminato con un vertice a piazzale Clodio nel luglio dell’anno scorso.

 


I tabulati dimostrano come i componenti della banda criminale che ha eseguito il sequestro il 20 novembre del 2018, abbiano avuto numerosi contatti con la Somalia sia prima che dopo il blitz avvenuto nelle vicinanze del villaggio Chakama a circa 80 chilometri da Malindi. Un elemento che avvalora ulteriormente l’ipotesi che quello della Romano sia stato un sequestro su commissione, pianificato in Somalia.

LA ONLUS
Un altro fronte sul quale la procura sta lavorando è quello che riguarda la onlus Africa Milele dove Silvia lavorava. Ha garantito i livelli di sicurezza? I magistrati hanno sentito anche i vertici della onlus per verificare le modalità del viaggio e della permanenza della volontaria nel villaggio africano. E ora, dopo il suo racconto e alcune dichiarazioni rese dalla responsabile della ong la procura potrebbe volere proseguire su questo filone.


Silvia era reduce da un’esperienza come volontaria in Africa, aveva fatto un colloquio e un corso on line e successivamente è stata mandata nel villaggio in Kenya. Conosceva l’inglese e aveva la qualifica di referente con diverse responsabilità. «Non fu mai lasciata sola - ha detto la fondatrice della ong Lilian Sora sottolineando che per la sicurezza c’erano due «masai armati di machete» ma uno di loro «era al fiume» quando è stata rapita. Silvia era arrivata il 5 novembre: «Non avevamo fatto in tempo ad attivare l’assicurazione», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA