Botte e insulti ai bambini nell'asilo nido fatto in casa, arrestata una donna a Siena

Lunedì 18 Febbraio 2019
1
Botte e insulti ai bambini nell'asilo nido fatto in casa, arrestata una donna

Rinchiudeva bimbi di pochi mesi in una stanza buia per convincerli a smetter di piangere, li costringeva a mangiare tappando loro il naso e a quelli più grandi negava il cibo se non erano in grado di utilizzare una forchetta, oltre a insulti, strattonamenti e percosse. È quanto accadeva in un asilo domiciliare alle porte di Siena gestito da una 52enne che, dopo la denuncia di due mamme e di una sua ex collaboratrice, è stata arrestata con l'accusa di maltrattamenti di familiari e conviventi. 

Choc all'asilo, bimbi costretti a picchiare i compagni: «Così capisci che non si fa»

Ad incastrare la donna sono state anche le intercettazioni ambientali e i filmati di telecamere posizionate nell'abitazione dai carabinieri le cui indagini sono state coordinate dal pm Silvia Benetti. Due giorni fa i carabinieri sono intervenuti quando la donna ha messo una bimba che piangeva all'aperto sul terrazzo e i pianti hanno richiamato l'attenzione dei passanti. La donna è stata quindi portata nel carcere di Sollicciano (Firenze); poi, dopo la convalida da parte del gip Alessandro Buccino Grimaldi, ai domiciliari.

«Sono una educatrice laureata, madre di tre figli, trenta anni di esperienza, con diversi bambini di fasce diverse»: così scriveva di sé l'educatrice per promuovere la sua attività su un sito Internet descrivendo la sua struttura come «unico nido domiciliare in Italia connesso in real time, per maggior trasparenza con le famiglie». E proprio per carpire la fiducia delle famiglie la donna inviava tramite whatsapp foto e video artefatti che ritraevano i bambini sereni impegnati in attività ludiche, anche se le indagini dimostrano che non era così. Agli stessi genitori, secondo quanto si apprende da fonti d'indagine, era vietato entrare nell'asilo domiciliare «per motivi igienici» e quando andavano a riprendere i figli dovevano comunicare l'arrivo tramite un messaggio whatsapp all'educatrice. Così la donna aveva tempo per tranquillizzare i bambini che piangevano, cambiar loro i pannolini o occultare eventuali segni di maltrattamento.

Erano da cinque a dieci i bambini, tra 6 mesi e 3 anni di età, che ogni giorno venivano affidati alla donna su pagamento di una retta mensile di 600 euro o di tariffa oraria di 7 euro. L'asilo domiciliare aveva permessi e autorizzazioni necessari rilasciati dal Comune di Siena e da altri enti preposti. La struttura è pure segnalata sul sito del Comune tra i «servizi educativi per la prima infanzia e scuole dell'infanzia privati». Proprio «il Comune di Siena monitorerà attentamente gli esiti delle indagini e, nei limiti della propria competenza, prenderà tutti i provvedimenti necessari ove accertate l'esistenza di violazioni di legge», spiega l'amministrazione in una nota. Sulle autorizzazioni si stanno concentrando le indagini dei carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro.
 

 

Ultimo aggiornamento: 19:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma