MIGRANTI

Caso Sea Watch, Di Maio: «Mandiamo i migranti in Olanda». Tre parlamentari a bordo

Domenica 27 Gennaio 2019 di Claudia Guasco
48

MILANO Due giorni fa il progetto era fallito. Ieri hanno aggirato i controlli delle motovedette della capitaneria, hanno affittato un gommone e sono saliti sulla Sea Watch. Ai comandi c'era la deputata Stefania Prestigiacomo di Forza Italia, in possesso della patente nautica, con lei Riccardo Magi di +Europa e il segretario di Sinistra italiana Nicola Fratoianni. Sono rimasti a bordo della nave umanitaria sei ore, per parlare con i 47 migranti soccorsi nel Mediterraneo nove giorni fa. «L'umanità viene prima, adesso fateli sbarcare. Non si può rimanere insensibili», è l'appello a missione compiuta.

PORTI CHIUSI
Ma sulla questione per il ministro dell'Interno Matteo Salvini non c'è spazio di trattativa: «Parlamentari italiani (tra cui uno di Forza Italia) non rispettano le leggi italiane e favoriscono l'immigrazione clandestina? Mi spiace per loro, buon viaggio. I porti sono e rimangono chiusi, mi arrestino pure», liquida la questione. La missione però è solo all'inizio, perché presto un altro gruppo raggiungerà l'imbarcazione. 
 

 

LEGGI ANCHE Salvini: «Sea Watch ha disobbedito a precisi ordini: messo a richio la vita dei migranti»
LEGGI ANCHE ll Viminale vuole la polizia a bordo della Sea Watch

 

«I deputati del Pd - annuncia il capogruppo Graziano Delrio - parteciperanno alla staffetta democratica per garantire una costante presenza sulla Sea Watch. Saremo a bordo finché ai migranti non sarà permesso di sbarcare in Italia». Il vicepremier Luigi Di Maio fa sapere che il governo è impegnato su due fronti, «produrre i documenti per sequestrare l'imbarcazione e far arrivare in Olanda» i migranti, per Salvini il porto di Siracusa resta sbarrato. «Mettendo a rischio la vita delle persone a bordo, il comandante e l'equipaggio della ong Sea Watch hanno disubbidito a precise indicazioni che li invitavano a sbarcare nel porto più vicino (non in Italia), di questo abbiamo le prove e verranno messe a disposizione dell'autorità giudiziaria», anticipa. Ribadendo «l'impegno a difendere i confini, la salute e la sicurezza del popolo italiano: non sarò complice degli scafisti e di chi li aiuta». In Italia si arriva rispettando le regole, dice, altrimenti stop: «Ci raccontano di tempeste, di un freddo cane e di bambini a bordo. Io vedo uomini a torso nudo, mare calmo, cuffie e telefonini». Non è ciò che raccontano i parlamentari. Riferisce Magi: «I migranti sono stremati. Ci sono cinquanta persone ammassate in una stanza piccola, con un unico bagno. Sono ostaggi di un'inutile prova di forza del governo italiano».

SEGNI DI PERCOSSE
Lo psichiatra Gaetano Sgarlata, che ha fatto parte della delegazione, racconta di una «situazione penosa», un migrante ha perso un occhio, altri hanno tagli e dita deformate per i colpi ricevuti in Libia. «Gli sguardi spiritati delle persone che abbiano ascoltato lasciano un segno», riflette Stefania Prestigiacomo. Il suo blitz ha creato scompiglio tra le fila di Forza Italia, Antonio Tajani ribadisce la linea di fermezza del partito: «Non ne sapevamo nulla - assicura - è un'iniziativa a titolo personale, di una mamma, di una parlamentare di Siracusa. Credo sia stata spinta più da un fattore umano che politico». Silvio Berlusconi non entra nel merito, ma su caso Sea Watch mantiene una posizione di equilibrio: «Se fosse mia responsabilità, li farei senza dubbio sbarcare», dichiara. E appellandosi al «senso di realismo» fa notare che «47 nuovi immigrati che si aggiungono ai più di 600 mila già sul territorio non cambiano nulla». Intanto anche la Chiesa torna a far sentire la sua voce. «Vorremmo accogliere questi migranti - spiega il cardinale Gianfranco Ravasi - la Cei e l'associazione Giovanni XXIII lo hanno detto esplicitamente. Ma non c'è la possibilità di farlo. Il mio augurio è che prevalga l'umanità». Ciò che vivono i migranti che arrivano in Europa è paragonabile alla Shoah? «Quanto accadde durante la Shoah è infinitamente più orribile. È anche vero però che alla base c'è una mancanza di capacità di comprendere e di mostrare umanità. E questo non va dimenticato», ammonisce il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi.

Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio, 07:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Davide si è inventato un lavoro: proteggere i gatti sui balconi di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma