Sea Watch, Carola rischia 12 anni. Francia e Germania attaccano l'Italia. Salvini: «No lezioni»

Sabato 29 Giugno 2019
44
Sea Watch, Francia e Germania attaccano l'Italia. Salvini: «No lezioni». Carola rischia 12 anni

La Sea Watch 3 entra di forza nel porto di Lampedusa in piena notte rischiando una collisione con una motovedetta della Guardia di Finanza, 17 giorni dopo aver salvato una sessantina di migranti davanti alla Libia e quattro giorni dopo aver violato il divieto d'ingresso nelle acque italiane. Una decisione che la comandante Carola Rackete paga con l'arresto, ma che consente finalmente ai 40 rimasti a bordo di sbarcare sull'isola. «Lunga vita a Carola» urlano una volta al sicuro. «Abbiamo aspettato una soluzione che non arrivava - dice la capitana - Non ne posso più, la responsabilità mia e li porto in salvo». «È un atto criminale, un atto di guerra - replica il ministro dell'Interno Matteo Salvini - si è rischiato il morto».

Carola Rackete, la capitana di Sea Watch rischia il carcere sino a 12 anni e una maxi-multa


 


È l'1.40 quando la nave della Ong tedesca battente bandiera olandese si affaccia all'ingresso del porto: la comandante ha già violato tre volte l'alt intimatogli dai finanzieri che tentano un'ultima mossa, porsi tra la Sea Watch e la banchina per impedire l'attracco. La Capitana però non si ferma e lo scontro viene evitato per poco. «Non ha fatto nulla per evitarci - diranno poi i finanzieri - poteva schiacciarci». La stessa Rackete riconosce l'azzardo. «Vi chiedo scusa - ammette - ho fatto un errore». Anche la portavoce della Ong Giorgia Linardi parla di manovra «risoluta e pericolosa», ma scarica le colpe su chi ha impedito l'attracco e non ha dato il porto sicuro: «non avevamo scelta, la comandante ha fatto il proprio dovere» in quanto «non era in grado di trascorrere un altra notte a bordo con il peso della responsabilità dei naufraghi che minacciavano il suicidio e l'equipaggio costretto a fare i doppi turni».

#FreeCarola diventa virale: striscioni per la capitana da Napoli al Pride di Milano
 


Sea Watch: «Venduta», cori e insulti contro la comandante Carola Rackete

Una volta in porto la Sea Watch viene accolta dagli applausi dei volontari a terra ma anche dagli insulti, alcuni pesantissimi, di un gruppo di lampedusani. «Spero che ti violentino, zingara, tornatene in Olanda» i meno violenti. Insulti che vanno avanti anche quando la capitana viene portata via. Per lei scatta l'arresto in flagranza per violazione dell'articolo 1100 del codice della navigazione, resistenza o violenza contro nave da guerra, che prevede pene da 3 a 10 anni. Il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio e l'aggiunto Salvatore Vella contestano anche il tentato naufragio e dispongono gli arresti domiciliari in un appartamento della Ong a Lampedusa. «Le ragioni umanitarie - dice Patronaggio - non possono giustificare atti di inammissibile violenza nei confronti di chi in divisa lavora in mare per la sicurezza di tutti».

Sea Watch, Conte: «Le leggi si rispettano». Di Maio: «Non è giusto alimentare rabbia»

Nei prossimi giorni il gip dovrà convalidare l'arresto ma nel frattempo è scattato il sequestro probatorio della nave, che verrà fermata a Licata. Ed in base al decreto sicurezza bis è scattata anche la sanzione del prefetto, una multa di 16mila euro per comandante, armatore e proprietario della nave «Una nave fuorilegge ha messo a rischio la vita degli uomini della Gdf cercando di di schiacciare la motovedetta contro la banchina, delinquenti» ripete Matteo Salvini che non non chiude certo qui la vicenda. Nel caso non fosse convalidato l'arresto ha già pronto un decreto d'espulsione «destinazione Berlino» e già lunedì si riuniranno i tecnici del ministro per valutare «eventuali rimodulazioni» al decreto sicurezza bis in fase di conversione, con una ulteriore stretta delle sanzioni. Il ministro ha poi confermato che i 40 migranti andranno nei cinque paesi che hanno offerto la disponibilità, Germania, Portogallo, Finlandia, Lussemburgo e Francia (quest'ultima ne prenderà dieci).

Sea Watch, i finanzieri sulla motovedetta: «La nave non ha fatto nulla per evitarci»
 

 

Ma proprio tre dei 5 paesi, Francia, Germania e Lussemburgo, vanno all'attacco dell'Italia: chiudere i porti e una violazione del diritto internazionale del mare e salvare vite è un dovere. «Non prendo lezioni» risponde Salvini, che sul fronte Sea Watch trova pieno appoggio dal premier Conte: «le leggi ci sono, che piaccia o non piaccia». E anche l'altro vicepremier di Maio si schiera: «uno Stato sovrano ha le leggi e le fa rispettare, punto». Posizioni contro cui si scaglia tutta l'opposizione. «Salvini si deve vergognare» dicono dal Pd fino alla Cgil, mentre il Segretario di Stato Vaticano, il Cardinale Pietro Parolin, afferma: «la vita umana va salvata in qualsiasi maniera. Quindi quella deve essere la stella polare che ci guida, poi tutto il resto è secondario».

Carola Rackete, il cardinale Parolin al suo fianco: «Salvare vite umane è stella polare»

Le reazioni/1. «Ora che la crisi migratoria ha drasticamente diminuito la sua ampiezza» anche grazie al contributo dell'Ue, afferma il ministro francese dell'Interno Christophe Castaner, l'attuale governo italiano fa la scelta di soluzioni non concertate con i suoi partner europei, denunciando una mancanza di solidarietà dell'Europa e dei suoi Stati membri. Ha infatti annunciato una chiusura dei suoi porti in violazione del diritto internazionale del mare, anche se gli sbarchi di persone soccorse in mare sul suo territorio continuano, sia da parte di navi delle Ong che della Guardia costiera italiana». «In questo contesto - conclude la nota di Castaner - l'Italia continua ad aver bisogno di questa solidarietà europea di cui tuttavia denuncia l'assenza. Mentre la Francia ha già ospitato negli ultimi mesi sul suo territorio quasi 400 persone bisognose di protezione sbarcate in Italia e a Malta, e questo di concerto con altri Stati membri e nell'ambito del coordinamento europeo».

Sea Watch, ira Salvini

Le reazioni/2. «Salvare le vite umane è un dovere umanitario. Soccorrere vite umane in mare non può essere criminalizzato. Tocca alla giustizia italiana ora chiarire le accuse». Lo afferma il ministro degli Esteri della Germania Heiko Mass, riferendosi all'arresto a Lampedusa del capitano della Sea Watch, Carola Rakete.
 

Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 18:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA