CORONAVIRUS

Coronavirus, scuole e università chiuse fino al 15 marzo. Azzolina: «Non è stato facile». Gli esperti: «Efficacia dubbia»

Mercoledì 4 Marzo 2020
11
Coronavirus, scuole chiuse da domani per 15 giorni. Il governo valuta la misura. Stop lezioni fino all'8 in Liguria, Lombardia e Marche

Scuole chiuse dal 5 al 15 marzo per l'emergenza Coronavirus. È quanto prevede il decreto firmato dal premier Giuseppe Conte. E ancora: sospensione in tutto il paese, come per le zone rosse, di manifestazioni ed eventi «di qualsiasi natura» e «in qualsiasi luogo»; partite e competizioni sportive, compresa la serie A, a porte chiuse; sport di base che non si ferma ma solo a condizione che vengano rispettate le raccomandazioni dell'Istituto superiore di Sanità. Idem per teatri e cinema. «La decisione di chiudere le scuole non è stata semplice», ha detto la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina. Il governo è già al lavoro per mettere a punto una norma che prevede la possibilità per uno dei genitori di assentarsi dal lavoro per accudire i figli minorenni. Per gli esperti del comitato nominato dalla protezione civile mancano le evidenze scientifiche sull'efficacia della misura. L'Esecutivo ha scelto la linea della «massima precauzione».

LEGGI ANCHE Coronavirus, Conte: l'Italia ce la farà, chiederemo alla Ue tutta la flessibilità necessaria

«È una decisione di impatto, spero che gli alunni tornino al più presto a scuola», ha detto la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina, assicurando «l'impegno» perché questo «servizio pubblico essenziale continui anche fornito a distanza, a tutti i nostri studenti». 

LEGGI ANCHE Coronavirus, Comitato scientifico: «Dubbi su efficacia chiusura scuole»
 

Scuole chiuse, Conte: governo trasparente

«Noi della trasparenza abbiamo fatto sempre la nostra regola d'azione, verità e trasparenza». Lo dice il premier Giuseppe Conte parlando a Palazzo Chigi spiegano che, sulla chiusura delle scuole questa mattina «era stato chiesto al comitato tecnico-scientifico un ulteriore approfondimento». Per questo «la notizia che è fuoriuscita è stata totalmente improvvida». «Questa mattina tutti i ministri ci siamo riuniti per valutare un aggiornamento sull'emergenza sanitaria e ho richiesto anche la presenza del presidente dell'Iss, professor Brusaferro, che ci ha aiutato a valutare quale è la situazione attuale epidemiologica e ci ha fornito tutta una serie di valutazione tecniche, che ci sono servite per avere un aggiornamento a tutto campo sulla situazione emergenziale», spiega il capo del governo. «Un'ampia parte dello scambio informativo è stato dedicato alle scuole e all'università. Abbiamo fatto una ampia valutazione e l'orientamento è stato quello di disporre in via prudenziale la chiusura. Ci siamo anche detti »attenzione, però, su questo demandiamo al professor Brusaferro di ritirarsi con il Comitato tecnico scientifico per un approfondimento tecnico scientifico«. Ecco perché abbiamo impiegato un pòdi tempo», sottolinea.

Coronavirus, scuole chiuse in Italia: decalogo di sopravvivenza per genitori ai tempi dell'epidemia

Il tema genitori. «Ci stiamo muovendo con la massima celerità e determinazione a tutela dei lavoratori pubblici e privati. È in fase di definizione una norma che prevede la possibilità per uno dei genitori, in caso di chiusura delle scuole, di assentarsi dal lavoro per accudire i figli minorenni. Ne ho già parlato con il Ministro Gualtieri e gli altri Ministri competenti: faremo tutto quello che è necessario per ridurre al massimo i disagi». Così il viceministro all'Economia Laura Castelli dopo la decisione di chiudere le scuole per l'emergenza Coronavirus.

Coronavirus, diretta: in Italia 79 morti, paziente in rianimazione a Livorno
Coronavirus, l'ipotesi: chiudere tutte le scuole. Anziani a casa, niente strette di mano

Partite a porte chiuse. Partite e competizioni sportive, compresa la serie A, a porte chiuse. La Federcalcio ha ufficializzato che le gare di Serie A si svolgeranno, fino a nuova indicazione, a porte chiuse. «Tenuto conto - afferma in una nota la Figc - delle disposizioni emanate e delle ulteriori indicazioni ricevute dal Governo per fronteggiare l'emergenza Coronavirus e salvaguardare la salute pubblica, al fine di evitare l'interruzione della competizione sportiva, nonché di assicurarne lo svolgimento e consentirne la conclusione, la Figc ha disposto con apposito provvedimento, fino a nuova determinazione, che si giochino a porte chiuse tutte le gare organizzate dalla Lega Serie A».

Cinema e teatri. «Sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, ivi compresi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo, sia pubblico che privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro». 
 

 

Le parole del premier Conte. «Non è la prima volta che ci troviamo ad affrontare emergenze nazionali, ma siamo un Paese forte, un Paese che non si arrende. È nel nostro Dna. La sfida del coronavirus non ha colore politico, deve chiamare a raccolta l'intera nazione, è una sfida che ha bisogno dell'impegno di tutti», ha detto il premier Giuseppe Conte in un video su Facebook, aggiungendo che l'Italia chiederà alla Ue «tutta la flessibilità necessaria».

LEGGI IL DECRETO

I dubbi del Comitato sull'efficacia della chiusura delle scuole. Il comitato tecnico scientifico, chiamato ad esprimere un parere non vincolante, aveva evidenziato dei dubbi sulla chiusura di scuole e università: mancano le evidenze scientifiche, sarebbe stato rilevato all'unanimità, sull'efficacia della chiusura delle scuole ai fini di un contenimento dei contagi da coronavirus, soprattutto per la breve durata della misura. Il Governo, però - confortato soprattutto dal parere favorevole dell'Istituto superiore di Sanità, il cui presidente Silvio Brusaferro siede anche nel Comitato tecnico scientifico - ha deciso per la chiusura. «È evidente che ora non ci siano evidenze scientifiche ma la politica - spiegano fonti di Palazzo Chigi - deve puntare a qualsiasi iniziativa che contribuisca a rallentare la diffusione del virus. Un virus nuovo, per questo il governo ha deciso di agire adottando il principio della massima precauzione».
 


I dati aggiornati dicono che i morti sono arrivati a 107, il 3,47% del totale dei contagiati, e che ci sono 295 malati in terapia intensiva, 66 in più di ieri, pari al 28,8% in più. Ma è anche vero che sono poco più del 10% dei 2.706 malati totali. 1.346 sono invece i malati ricoverati con sintomi e 1.065 quelli in isolamento domiciliare. L'obiettivo del governo è dunque quello di evitare che aumentino in maniera esponenziale i ricoverati più gravi, mandando in crisi tutto il sistema. Ed infatti, oltre al Dpcm, l'esecutivo ha messo in campo altre due misure. Da un lato il ministero della Salute ha disposto il potenziamento del 50% dei posti a disposizione nei reparti di terapia intensiva e del 100% in quelli di pneumologia e malattie infettive, oltre alla possibilità di reclutare medici e sanitari da altre parti d'Italia da dirottare negli ospedali delle zone rosse. Dall'altro il Dipartimento della Protezione Civile ha attivato la Centrale remota di soccorso sanitario (Cross), un meccanismo che consente, in caso di emergenza, di trasferire da una regione all'altra i malati se non ci sono posti disponibili.

Niente abbracci e baci. Il Dpcm firmato da Conte in serata contiene poi tutta un'altra serie di indicazioni. Raccomanda alle persone anziane di limitare le uscite da casa, ribadisce la necessità di evitare strette di mano, abbracci e baci, vieta la visita ai parenti dei ricoverati negli hospice e nelle residenze sanitarie assistite, così come l'attesa nei pronti soccorso per le persone che non devono essere visitate. Tutta l'attività dello sport di base in palestre, piscine e altri centri sportivi, invece, è «consentita esclusivamente nel rispetto delle raccomandazioni previste». Vale a dire mantenendo la distanza di un metro e usando tutte le precauzioni igienico sanitarie.

Ultimo aggiornamento: 5 Marzo, 07:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani