Scuola, green pass, gite e quarantene ridotte: cosa c'è da sapere, le nuove faq del governo

Senza la certificazione verde l'insegnante non può lavorare neanche in smart working. Meno giorni di isolamento per chi è vaccinato

Scuola, green pass, gite e quarantene ridotte: cosa c'è da sapere, le nuove faq del governo
di Mauro Evangelisti
4 Minuti di Lettura
Sabato 9 Ottobre 2021, 09:13 - Ultimo aggiornamento: 13:13

A scuola «le operazioni di verifica delle certificazioni verdi COVID-19 devono essere svolte prima dell’accesso del personale nella sede ove presta il servizio, e non devono essere ripetute nel corso dello svolgimento dello stesso. Dunque, nel caso in cui, al momento dell’accesso in sede, la certificazione risulti “valida”, il dipendente potrà accedere regolarmente e svolgere la propria attività fino al termine della giornata lavorativa». In sintesi: se il Green pass del prof scade durante le lezioni il docente non deve essere allontanato. Ovviamente la certificazione verde deve essere rinnovata prima del rientro a scuola, il giorno successivo; l'insegnante senza Green pass, come è noto, non ha diritto allo smart working. Questo è uno dei chiarimenti contenuto nelle Faq (domande e risposte) sulle regole anti Covid a scuola, aggiornate sul sito del Ministero dell'Istruzione.

Le gite

Un altro tema su cui c'è stato un aggiornamento è quello della gite scolastiche e delle uscite didattice. Spiega il Ministero: «Nei territori in zona bianca è possibile effettuare uscite didattiche e viaggi di istruzione, purché si permanga in aree del medesimo colore bianco, fermo il rispetto dei protocolli di sicurezza degli specifici settori».

Abruzzo, sospesa insegnante non vaccinata. Le tolgono anche lo stipendio

Terza dose per tutti gli over 60 e fragili: somministrazione dopo almeno 6 mesi

Ma il Green pass dei ragazzi per accedere nelle destinazioni finali del viaggio di istruzione va controllato a scuola? No, spiegano al Ministero dell'Istruzione, la verifica sarà svolta dalla struttura (un teatro o un museo ad esempio), Più nel dettaglio: «Il 23 settembre 2021 il Garante della privacy ha precisato che i docenti non possono chiedere informazioni sullo stato vaccinale degli studenti, direttamente o indirettamente. Ai fini dell’organizzazione delle uscite didattiche che presuppongono l’obbligo della certificazione verde COVID-19, dunque, si ritiene che le Istituzioni scolastiche possano valutare di fornire, prima che sia resa apposita autorizzazione a partecipare all’iniziativa, informazioni agli alunni medesimi e alle rispettive famiglie in merito ai requisiti e alle modalità per l’accesso, previsti dalla vigente normativa emergenziale».

Tra le nuove Faq appena aggiornate, secondo un'analisi del sito Skuola.net. viene affrontato anche il tema dell'alternanza scuola-lavoro (Pcto): lo studente deve essere in possesso del Green pass. Scrive il Ministero: «Gli studenti che effettuano a qualsiasi titolo un’attività lavorativa sono equiparati ai fini dello svolgimento della stessa agli altri lavoratori. In proposito, l’art. 9 septies del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, che disciplina l’obbligo del possesso della certificazione verde per chi svolge una attività lavorativa nel settore privato, prevede espressamente, al comma 2, che tale obbligo si applica “a tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato”». 

Contagi in classe

Sul fronte delle quarantene, in caso di positività in una classe, nelle ultime ore ci sono state delle anticipazioni non contenute ancora nelle Faq, ma fornite dal presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, e del ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi. Brusaferro: «La prossima settimana arriveranno dei suggerimenti e delle raccomandazioni che possano aiutare gli operatori scolastici, gli operatori di sanità pubblica delle aziende
sanitarie e anche le famiglie a trovare una via di equilibrio per permettere la didattica in presenza in sicurezza». Bianchi: «Si sta andando anche verso un contenimento delle quarantene in particolare per chi è vaccinato».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA