Migranti, nuovo sbarco in Sardegna: fermata imbarcazione con 13 algerini a bordo

Sabato 29 Giugno 2019
2
Mentre sono diminuiti gli sbarchi programmati, quelli atraverso le navi ong e le motovedette, in Sardegna continuano invece nel silenzio più totale e nell'indifferenza della maggior parte dell'opinione pubblice e di tute le forze politiche gli sbarchi fantasma, i cosiddetti sbarchi spontanei. Quelli gestiti di solito direttamente dai profughi in fuga con imbarcazioni. Viaggi di 15-20 persone spesso stipate in barchette di legno non lunghe più di 7-8 metri. Come i 13 migranti intercettati questa mattina da una motovedetta del Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza, la "Garulli", a largo di Teulada, nel sud ovest della Sardegna. L'avvistamento è avvenuto alle 9 circa quando l'imbarcazione non era troppo distante dalla costa. Il mezzo navale delle Fiamme Gialle ha recuperato i migranti, tutti algerini, e li ha trasportati in porto a Cagliari dove ad attenderli c'era anche il personale dell'ufficio stranieri della Questura e della task force Frontex. Dopo le prime operazioni di identificazione, i migranti sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir, nell'hinterland cagliaritano, dove sono stati sottoposti a visita medica.

I migranti avrebbero riferito al personale della Finanza di essere partiti da Sidi Salem, di essere rimasti senza carburante dopo un giorno di navigazione. Nella barca, sequestrata, non è stato rinvenuto alcun GPS né bussola.

Altri 8 migranti sono stati intercettati verso le 20,00 sempre su un barchino a 19 miglia circa dalla costa sarda dall'elicottero del Roan della Guardia di Finanza. Raggiunti da una motovedetta sono ora scortati verso un porto sicuro della costa sud. 
Ultimo aggiornamento: 21:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA